• Senza categoria

Pomezia. 43enne arsa viva in camera da letto a causa di una sigaretta lasciata accesa. In ospedale i genitori della vittima

Nola FerramentaNola Ferramenta

POMEZIA (RM) – Al sesto piano di uno stabile situato in Via Singen a Pomezia, stanotte si è sviluppato un incendio che è costato la vita ad una donna di 43 anni.

Sono stati i vicini ad allertare i Vigili del Fuoco che sono immediatamente intervenuti sul posto insieme ai militari della Stazione dei Carabinieri di Torvaianica e della Compagnia di Pomezia oltre ai sanitari del 118.

I Vigili del Fuoco di Pomezia hanno subito provveduto a far evacuare l’intera palazzina di 13 piani mentre avviavano l’opera di spegnimento dell’incendio all’interno dell’appartamento della donna.

Nella stessa unità abitativa erano presenti anche i genitori della vittima subito soccorsi dai sanitari e trasportati presso la Clinica Sant’Anna di Pomezia per intossicazione da inalazione da fumo. Intossicazione che per la sventurata evidentemente è stata letale.

Le operazioni di spegnimento dell’incendio sono terminate intorno alle 5:30 di stamane ed i primi rilievi effettuati dai Vigili del Fuoco avrebbero individuato le cause dell’incendio in un mozzicone di sigaretta lasciato acceso nella camera da letto della donna. Pur non escludendo altre ipotesi, quella della sigaretta lasciata accesa sembra essere al momento quella più accreditata.

L’appartamento – dichiarato inagibile – è stato messo in sicurezza, transennato e sottoposto a sequestro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che nel frattempo ha anche disposto l’esame autoptico sul corpo della vittima al fine di accertare le cause del decesso.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top