• Senza categoria

Piedimonte S. Germano. Arrestato il 22enne ritenuto responsabile degli spari in piazza Labriola a Cassino il 4 e 5 Gennaio scorsi

Nola FerramentaNola Ferramenta

La Ford Ka crivellata di colpi

CASSINO | PIEDIMONTE SAN GERMANO (FR) – Come si ricorderà, nella serata del 10 Gennaio 2015, personale della Compagnia Carabinieri di Cassino a conclusione di serrate attività info-investigative intraprese in collaborazione con personale del locale Commissariato della Polizia di Stato e d’intesa con il personale del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri, individuavano e procedevano al fermo di Polizia Giudiziaria di un 22enne di Piedimonte San Germano.

Il giovane era gravemente indiziato dei reati di “tentato omicidio, danneggiamento aggravato e porto abusivo di arma da fuoco nonché di spari in luogo pubblico”, per i fatti di violenza occorsi il 4 ed il 5 Gennaio 2015 nel pieno centro di Cassino (il 4 Gennaio, un minore venne aggredito con un coltello nella centralissima Piazza Labriola mentre il 5 Gennaio, nella piazza prospiciente la Stazione Ferroviaria, da un auto vennero esplosi dei colpi di pistola all’indirizzo dell’occupante di un altro veicolo in movimento) [segui anche gli “Altri Articoli” in fondo].

I colpi sulla vetrata esplosi in un precedente atto intimidatorio

Nella giornata di oggi, 14 Novembre, a Piedimonte San Germano, i militari della Compagnia Carabinieri di Cassino davano esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale Ordinario di Roma – Sezione del Riesame – nei confronti del predetto giovane poiché, la stessa Autorità Giudiziaria, accoglieva l’appello proposto dal P.M. del Tribunale di Cassino, Dott.ssa Siravo, avverso il rigetto, da parte del Gip, della richiesta avanzata per l’applicazione di una misura restrittiva in occasione della convalida del predetto fermo di Polizia Giudiziaria, operato in data 10 Gennaio u.s.

Il Tribunale del Riesame, quindi, ritenendo validi i gravi indizi di colpevolezza in relazione ai reati di tentato omicidio e porto abusivo di arma da fuoco, raccolti dal personale operante nel corso delle indagini esperite per far luce sull’episodio relativo alla sparatoria verificatasi il 05/01/2015, in Cassino alla via Garigliano, disponeva la misura cautelare in carcere del giovane.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, veniva associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top