Parte da Colleferro il progetto “#LibriLiberaTutt*”, una proposta per educare alle differenze. In biblioteca libri ed albi illustrati per bambini liberi da stereotipi

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO – È stato presentato nell’Aula consiliare di del Comune di Colleferro, nella mattinata di ieri, 1 Dicembre, il progetto “#LibriLiberaTutt*”.

Alla conferenza stampa di presentazione erano presenti il Sindaco Pierluigi Sanna, l’Assessora Diana Stanzani – che ha introdotto e condotto l’incontro – Guido Antonelli presidente di E.D.I. Onlus, Maria Vittoria Rambaldi dell’Associazione SCoSSE e Paola De Nigris, referente del progetto.

Si tratta di un progetto approntato, in collaborazione con il Comune di Colleferro, da E.D.I. (Educazione ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza Onlus) e SCoSSE (Soluzioni Comunicative Studi Servizi Editoriali – associazione di promozione sociale) con lo scopo di affrontare e contrastare la cultura dell’odio, la violenza di genere, il razzismo, il sessismo ed ogni forma di discriminazione.

Il titolo stesso del progetto – “#LibriLiberaTutt*, da Colleferro una proposta per educare alle differenze” – chiarisce subito che si tratta di “vincere con la cultura ogni forma di discriminazione”, fine che si intende perseguire partendo dai libri, soprattutto gli albi illustrati, destinati prevalentemente ai bambini e che sono attraversati da storie, immagini e personaggi in cui ogni persona può ritrovare la propria storia o scoprire nuovi punti di vista.
È attraverso quelle rappresentazioni che si rompono le catene degli stereotipi e si costruiscono gli strumenti dell’immaginario per liberarsi da gabbie e imposizioni e crescere come persone libere e consapevoli.

«Il mancato riconoscimento dell’altro, la sua negazione, la non accettazione della libertà dell’individuo e delle sue scelte di vita – ha affermato Diana Stanzani, Assessora alle Politiche di Genere e Servizi Sociali del Comune di Colleferro – sono un enorme problema culturale con il quale purtroppo ci misuriamo ogni giorno. Lo strumento fondamentale per contrastare tutto questo è proprio la cultura. Cultura intesa come conoscenza, come confronto, come apertura, come libri finalmente liberi dagli stereotipi che generano pregiudizi. Per l’amministrazione di Colleferro il progetto “#LibriLiberaTutt*” è molto importante, educare alle differenze per affermare l’uguaglianza, per una comunità che cresce nella propria coscienza e identità. Per questo il coinvolgimento dal basso è essenziale, perché tutti ci si renda partecipi di questa rivoluzione. Ancora di più nella nostra città, che è Città della Cultura».

Paola De Nigris, referente del progetto, Maria Vittoria Rambaldi dell’Associazione SCoSSE e Guido Antonelli presidente di E.D.I. Onlus, hanno approfondito i diversi aspetti del progetto ed hanno illustrato le attività delle rispettive associazioni: «A Colleferro abbiamo un’amministrazione e una comunità sensibili a questi temi ed abbiamo deciso di partire da qui per diffondere una campagna di comunicazione nazionale, ideata con le ragazze e i ragazzi, costruita con l’intera comunità».

«La nostra Amministrazione viene da una cultura per la quale la “diversità” è un valore – ha esordito il Sindaco Pierluigi Sanna – e nonostante la criticità del periodo che stiamo vivendo, ritengo che proprio nei momenti più difficili bisogna creare le condizioni grazie alle quali – superata la criticità – si possa tornare in maniera migliore alla “normalità”. “Sotto la neve, il pane” dicevano i nostri “vecchi”, e in un momento di grande gelo della società, come quello creato dal Covid, dobbiamo conservare “sotto la neve” la capacità di prepararci alla primavera. E non si può immaginare una primavera che non tenga conto dei nostri bambini, dei più piccoli cittadini…». (Nel video di seguito l’intervento completo del Sindaco)

 

La data scelta per la conferenza stampa ha coinciso con l’avvio della campagna #LibriLiberaTutt* di raccolta fondi sulla piattaforma produzionidalbasso.com  dove è possibile approfondire tutti i particolari del progetto nonché  finalità e modalità di eventuali donazioni.
L’idea è stata selezionata all’interno del Bando Impatto +, un fondo per il contrasto alla povertà educativa di Banca Etica.
Per poter realizzare il progetto sono necessari 19.950euro dei quali il 25% sarà finanziato da Banca Etica ed il rimanente importo verrà sostenuto dalla raccolta fondi.

Il progetto è molto articolato e prevede percorsi laboratoriali con bambine, bambini, adolescenti e con la comunità tutta, per imparare che cosa è e come si legge un libro senza stereotipi e come si realizza un booktrailer usando in modo positivo le tecnologie digitali.
I booktrailer, che verranno realizzati contribuiranno a preparare la campagna nazionale #LibriLiberaTutt* per coinvolgere famiglie e scuole, bambine, bambini e adolescenti per diffondere, oltre i confini comunali, questo importante cambiamento culturale.
Si realizzerà una sorta di rete territoriale che nasce a Colleferro, grazie alla lettura senza stereotipi, e che si espanderà sempre di più diventando un modo comune per combattere violenza e discriminazioni.

IL VIDEO “PROMO” DELL’INIZIATIVA

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Top