Ospedale di Colleferro. Santori (Cons. reg Fdi): «In Consiglio l’Amministrazione difenda con determinazione l’Ospedale non piegandosi alle promesse della giunta Zingaretti»

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (RM) – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato di Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia a proposito del Consiglio comunale straordinario che si terrà domani, 16 Febbraio, nell’aula consiliare del Comune di Colleferro.

«Domani si terrà a Colleferro il consiglio comunale straordinario sull’Ospedale Delfino Parodi, da tempo ormai al centro di una accesa discussione a causa della carenza di personale, delle apparecchiature sanitarie, della riduzione di posti letto e della mobilità passiva. Il polo ospedaliero di Colleferro continua a versare in una situazione di criticità conclamata, già oggetto di diverse interrogazioni presentate dal sottoscritto, rispetto alla quale fino ad oggi sono mancate le giuste e dovute spiegazioni da parte dei vertici ospedalieri e da parte del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Davanti a questo assurdo silenzio il Comitato a difesa dell’ospedale di Colleferro e tutti i cittadini si sono già mobilitati e chiedono che l’amministrazione comunale in questa ennesima occasione pubblica difenda con determinazione l’Ospedale non piegandosi, come avvenuto fino ad ora, alle promesse della giunta Zingaretti.
In particolare si chiedono chiarimenti sullo scellerato trasferimento di 4 reparti (Pediatria, Neonatologia, Ginecologia e Ostetricia) all’Ospedale di Palestrina avvenuto il 5 luglio 2015 e sul ricorso di appello al Consiglio di Stato depositato da 12 sindaci oltre a Colleferro, come Anagni, Artena, Carpineto Romano, Gavignano, Gorga, Montelanico, Piglio, Paliano, Segni, Serrone e Valmontone.

Auspichiamo, inoltre, che l’amministrazione di Colleferro faccia chiarezza sull’accordo da parte di alcuni sindaci del territorio con il Direttore della Cabina di Regia sulla Sanità D’Amato per il rispetto di alcuni impegni tra cui l’apertura 6 giorni su 7 degli ambulatori di Pediatria e Ginecologia; il servizio di monitoraggio per la mamma di cardiotogografia fetale; medicina d’urgenza e osservazione breve con medici e infermieri per 6 posti letto mancanti; Reparto di neurologia con 10 posti letto; inserimento nella Rete Emergenze del 118 della terapia intensiva; sblocco assunzioni con deroghe per Cardiologia e Neurologia; laboratorio analisi; Centro Trasfusionale.

La decisione di trasferire i reparti di Pediatria, Ostetricia, Ginecologia e Neonatologia a Palestrina, ha generato pesanti difficoltà in centinaia di utenti, senza contare i disagi causati dal protrarsi della chiusura della Nuova ala del nosocomio. Inoltre, la carenza di figure apicali unita al personale sanitario sotto organico compromettono in maniera grave il corretto funzionamento dell’ospedale e l’erogazione dei servizi ai cittadini. Non permetteremo che le nostre denunce, ininterrotte e prolungate, sullo stato dell’ospedale di Colleferro, rimangano inascoltate. Gli impegni presi vanno rispettati e ci attendiamo risposte dalla politica e dal presidente Zingaretti, commissario straordinario della sanità del Lazio, sul futuro di questo polo ospedaliero».

F.to Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia

 

Potrebbero interessarti anche...

Top