Marino. Ancora dissesti per le forti piogge, crolla un muro in Via Giulio Pastore

Nola FerramentaNola Ferramenta

MARINO (RM) – Ancora dissesti a Marino in conseguenza delle abbondanti precipitazioni di questi ultimi giorni. A risentire in maniera forte della copiosità delle piogge, previste, secondo le ultime comunicazioni di allerta della Protezione Civile regionale, anche per le prossime 18/24 ore, è stata la centralissima via Giulio Pastore (nei pressi ospedale San Giuseppe) dove, nella mattinata di oggi sabato 1 febbraio, è crollato un muro di contenimento di una proprietà, posta a vallestrada, di circa 4 metri.

La struttura, realizzata all’interno in pietrame e all’esterno in muratura, nel cadere ha trascinato con sé anche un tratto del sedime stradale. Tempestivo l’intervento delle Forze dell’Ordine e dei Vigili del Fuoco per il primo intervento. Agli agenti della Polizia Locale il compito di chiudere la strada, nel suo tratto centrale per circa 40 metri, in corrispondenza di tre palazzine, lasciando percorribili dalle auto due semitratti oltre ad un piccolo passaggio pedonale. Presenti sul posto anche gli uomini del Corpo di Protezione Civile di Marino, giunti insieme alla Polizia Locale dopo un momento di confronto tecnico operativo con il vice sindaco Fabrizio De Santis. Quest’ultimo, in relazione a quanto accaduto anche in altri luoghi della città per le forti piogge, come il crollo del muro in via Spinabella, ha dichiarato lo stato di preallerta per la persistente criticità delle condizioni meteorologiche e convocato l’Unità di Crisi per attivare una prima serie di valutazioni in riferimento al fenomeno verificatosi, al momento circoscritto. Lunghe e importanti saranno le opere di ripristino del muro caduto, di competenza della proprietà privata.

Un ringraziamento alle Forze dell’Ordine, ai Vigili del Fuoco e alla Polizia Locale per l’immediatezza dell’intervento e la messa in sicurezza del tratto di strada, giunge da parte del vice sindaco Fabrizio De Santis unitamente all’assessore alla Sicurezza Mauro Catenacci.