Lazio Ambiente Spa in gravissima difficoltà. Stipendi del mese di Maggio forfettizzati a 1000 e 500 euro per tutti i dipendenti…

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (RM) – Con la lettera, datata oggi, riprodotta qui sopra, l’Amministratore unico di Lazio Ambiente Spa Gregorio Nerda comunica a tutto il personale dell’Azienda che entro «Lunedì 29 Maggio p.v. la Società riconoscerà a tutti i dipendenti un importo forfettario, a titolo di anticipazione, pari a € 1.000,00 cadauno per quanti titolari di un contratto full time e pari a € 500,00 per i c.d. part time»…

La motivazione addotta sarebbe riconducibile ai «mancati o ritardati pagamenti da parte di alcune municipalità servite», problematiche che si aggiungono «alla già difficile situazione economica e finanziaria della Società che nelle ultime settimane, si è ulteriormente aggravata, al punto da pregiudicare in maniera gravissima i rapporti contrattuali con i fornitori e la stessa regolare corresponsione delle spettanze salariali»…

E come se non bastasse «La corresponsione del credito residuo (vantato da ogni singolo dipendente) resta ovviamente subordinata all’effettivo incasso dei pagamenti dovuti dai Comuni»…

Intanto leggiamo di seguito questa interessante tabella

Senza entrare nel particolare specifico del provvedimento adottato dall’Amministratore Unico di Lazio Ambiente Spa Gregorio Narda, alcuni interrogativi ci sorgono – come dire – spontanei...

  1. Al di là dei dipendenti e delle OO.SS., l’Assessore Regionale all’Ambiente Mauro Buschini viene a sapere della «gravissima situazione» in cui versa Lazio Ambiente attraverso questa lettera recapitatagli per conoscenza?
  2. In quale categoria rientra lo staff dirigenziale – che costa all’azienda oltre 700mila euro l’anno – tra i dipendenti full time o tra quelli c.d. part time?
  3. Questa bella sorpresa di fine mese – ad esempio per i lavoratori impiegati sul territorio di Colleferro – viene fuori come “premio” per un lavoro nuovo ed impegnativo come la raccolta differenziata porta a porta?
  4. Non sarebbe stato opportuno inviare la lettera di cui sopra anche a tutte le municipalità servite e soprattutto a quelle morose?
  5. E se queste dovessero continuare ad omettere o ritardare i pagamenti, i lavoratori quando potranno ricevere lo stipendio dovuto?
  6. Cosa accadrebbe se i lavoratori decidessero di incrociare le braccia?

C’è sicuramente qualcuno che è depositario delle risposte esatte a tutti gli interrogativi appena posti, ma nell’attesa di eventuali chiarimenti pubblici, l’interrogativo forse più scottante è quello relativo, ad esempio, allo stipendio di questo mese dell’Amministratore Unico o degli altri Dirigenti, che abbiamo motivo di supporre, ammonti ad € 1.000,00. Certo, a titolo di anticipazione…

Giulio Iannone

Potrebbero interessarti anche...

Top