• Senza categoria

Inaugurato stamane alla stazione ferroviaria di Cassino un nuovo treno “Vivalto” destinato al collegamento con Roma [FOTO]

Nola FerramentaNola Ferramenta

 

CASSINO (FR) – Dopo che nei giorni scorsi Regione Lazio e Regione Molise hanno siglato un accordo per potenziare i collegamenti ferroviari tra le rispettive aree territoriali, oggi il Presidente del Lazio, Nicola Zingaretti, e l’AD di Trenitalia, Vincenzo Soprano, hanno presentato oggi nella stazione di Cassino un nuovo treno Vivalto operativo da domani, Giovedì 19 Giugno, sulla tratta FL6 (Roma Termini – Frosinone – Cassino).

Il nuovissimo treno Vivalto migliorerà l’efficienza del servizio per le migliaia di pendolari che utilizzano la linea che dal comune in provincia di Frosinone, e dai comuni limitrofi, arriva nella Capitale passando per il capoluogo di provincia. Si tratta di una linea strategica per la mobilità su ferro del Lazio e per tantissimi viaggiatori che quotidianamente raggiungono Roma.

Presenti alla cerimonia di presentazione anche l’Assessore regionale alle Politiche del Territorio, alla Mobilità e ai Rifiuti, Michele Civita, e il Sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone. Alla stazione di Cassino sarà attiva, inoltre, una nuovissima Platea di lavaggio, i cui lavori di ammodernamento e di ampliamento sono costati a Trenitalia circa 300mila euro, all’interno della quale lavoreranno 25 unità di personale dei servizi di pulizia.

Si tratta di una struttura che consentirà 25 interventi di pulizia al giorno, compreso il lavaggio esterno di almeno tre treni al giorno e la rimozione dei graffiti (fenomeno molto diffuso malgrado le azioni di prevenzione di Trenitalia), garantendo convogli più puliti per i pendolari della FL6.

Nei mesi scorsi Regione Lazio e Trenitalia hanno siglato un accordo che modifica la convenzione attuativa del Contratto di Servizio certificando lo sblocco e la disponibilità di 35 milioni di euro di fondi regionali che consentiranno di completare l’acquisto dei 26 treni.

Dei 26 nuovi treni previsti per i pendolari del Lazio ne sono stati consegnati nove, di cui tre dallo scorso mese di luglio 2013. Il decimo treno è in arrivo tra un mese e via via proseguiranno le consegne dei convogli fino al completamento della nuova flotta, entro i primi mesi del 2015.

Il nuovissimo treno Vivalto, composto da 6 carrozze di cui una semipilota, ha una capacità di trasporto di circa 1.000 passeggeri, di cui 700 seduti, ed è dotato di impianto di climatizzazione, di monitor per la diffusione di video informativi, di videosorveglianza a circuito chiuso, di zona attrezzata per i disabili e di un’area polifunzionale attrezzata anche per il trasporto delle biciclette.

«Questo treno non è una parentesi nel deserto. Sono in arrivo ventisei nuovi treni sulle linee del pendolarismo del Lazio, dalla parte nord fino a sud. Il trasporto su ferro è un’opportunita per la nostra regione – lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto – il Vivalto è qui perché la Regione ha ripreso a pagare i fornitori chiudendo la pagina oscena che portava a prendere impegni  senza poi mantenerli».

«Oggi per noi la Regione Lazio è un cliente importantissimo ed anche affidabile nei pagamenti. Il che significa che con serietà possiamo investire, perché ci confrontiamo con un cliente affidabile. Quindi lo sforzo dell’Amministrazione di mettere i conti in ordine è quello che consente l’ acquisto di nuovi
treni» ha affermato l’AD di Trenitalia Vincenzo Soprano.

«Questo treno – ha proseguito Soprano – deriva dal piano investimenti reso possibile dal contratto che Trenitalia ha sottoscritto con la regione Lazio. Tutti questi investimenti non hanno avuto un euro di sovvenzione pubblica. Trenitalia ha preso soldi a debito presso le banche e, grazie ai flussi che vengono da questo contratto, a proprie spese, ha potuto acquistare questo treno che è uno dei 26 totali che stiamo consegnando alla regione Lazio, la quale ha messo risorse proprie al di là del contratto, specifiche per l’acquisto di questi treni. Il nostro impegno è il rispetto del contratto. E’ questo tipo di collaborazione – ha concluso l’AD di Trenitalia – a poter dare tali risultati».  

 

Potrebbero interessarti anche...

Top