“Il Rugby c’è”. Un interessante progetto ideato dall’Asd Rugby Segni destinato agli alunni delle elementari e medie di Segni, Carpineto Romano, Montelanico e Gorga

Nola FerramentaNola Ferramenta

L’ASD RUGBY SEGNI ha presentato ai dirigenti degli Istituti Comprensivi dei Comuni di Segni, Carpineto Romano, Montelanico e Gorga il progetto “IL RUGBY C’È”.

Si tratta di un progetto territoriale, completamente gratuito, da svolgersi nel periodo Settembre 2020-Giugno 2021, destinato a bambini e a ragazzi frequentanti la scuola primaria e secondaria di primo grado nei Comuni sopraelencati.

In occasione del 50° anniversario del club, e nel proseguire con il lavoro di rilancio iniziato già da un paio di anni, il progetto “IL RUGBY C’È” mira proprio a consolidare l’attività di base, quella rivolta ai giovanissimi, nell’ambito delle attività relative al “mini-rugby”.

Il progetto, al quale hanno lavorato il Presidente Giancarlo Fontana e la professoressa Nadia Fagiolo, tra le prime tesserate donne del club, è articolato e molto interessante.

Di seguito ne pubblichiamo i particolari.

 

Introduzione
Visto il devastante impatto sociale che il Covid-19 ha avuto a livello globale, e conseguentemente anche sul nostro territorio, l’Asd Rugby Segni propone, per l’anno scolastico/stagione sportiva 2020-2021, il progetto territoriale sportivo “IL RUGBY C’È”, completamente gratuito, destinato a bambini a ragazzi frequentanti la scuola primaria e secondaria di primo grado nei Comuni di Segni, Carpineto Romano, Montelanico, Gorga.
Si allega alla presente la descrizione dettagliata dell’iniziativa, con invito all’adesione.
In attesa di un Vostro cortese riscontro, si porgono i più cordiali saluti.
​​​​​​​​​Il Presidente Giancarlo Fontana

 

PROGETTO “IL RUGBY C’È”

Premessa
Il rugby e la scuola perseguono le stesse finalità in ambito educativo, mirando allo sviluppo completo della persona e alla formazione di futuri cittadini adulti responsabili, resilienti, in grado di stabilire obiettivi di crescita personale e di perseguirli, guidati da valori positivi e in grado di relazionarsi correttamente con gli altri.
Si tratta di una meta estremamente ambiziosa, che implica la necessità di una consapevolezza del proprio ruolo da parte di tutti i soggetti coinvolti: famiglia, scuola, associazione sportiva, amministrazioni locali.
Il risultato a cui si ambisce è il miglioramento del tessuto sociale, un obiettivo a lungo termine di elevato spessore, che sicuramente non può essere conseguito attraverso l’azione di un solo soggetto, ma che richiede, come il nostro sport insegna, un lavoro di squadra.

Perché il progetto “IL RUGBY C’È”
L’epidemia da COVID-19 ha avuto (e continua ad avere) un devastante impatto, a livello mondiale, sulla salute fisica e psicologica delle persone, sulle relazioni sociali, oltre che sull’economia dei Paesi di ogni continente.
Gli effetti di tale situazione sono evidenti anche in piccole realtà, come quelle del nostro territorio, soprattutto rispetto alle difficoltà che molte famiglie stanno vivendo dal punto di vista lavorativo e al disagio di bambini e ragazzi, che sono stati a lungo privati della possibilità di socializzare e di muoversi, due bisogni fondamentali in età evolutiva.
La reclusione obbligata nel periodo di lockdown ha senz’altro avuto delle ricadute sui più giovani, sia dal punto di vista fisico (per la forzata sedentarietà), sia psicologico, privandoli di una sana relazionalità e mettendoli di fronte alla gestione di paure e preoccupazioni. Questa situazione è amplificata per i bambini/ragazzi più fragili, per coloro che vivono in condizioni socioeconomiche e culturali già svantaggiate o per coloro che presentano difficoltà e/o disabilità (si pensi a disturbi come l’ADHD o l’autismo).
Siamo consapevoli del fatto che l’anno scolastico 2020-2021 riprenderà con problematiche legate al distanziamento fisico, che di certo continuerà a non favorire né le relazioni interpersonali, né la motricità. Questo è uno dei motivi per i quali riteniamo che il rugby, uno sport che si pratica all’aperto e insieme agli altri, possa assumere un ruolo importante per favorire l’interazione rispettando al contempo le norme sanitarie di sicurezza, con l’attuazione del protocollo per la prevenzione del contagio da Covid-19 emanato dalla Federazione Italiana Rugby, che stiamo già rigorosamente applicando in questi mesi estivi.
Non possiamo del tutto prevedere quali saranno le conseguenze a lungo termine della particolare situazione che tutti stiamo attraversando, ma il nostro sport insegna e abitua ad affrontare le difficoltà, a rialzarsi dopo ogni caduta e a riprendere ad avanzare verso la meta.
Esattamente ciò che intendiamo fare in questo momento.
Il rugby è uno sport fondato sui valori del rispetto delle regole e delle persone, sull’assunzione di responsabilità, sulla valorizzazione del gioco di squadra, della condivisione, del sostegno reciproco, sul valore funzionale delle difficoltà, che sono concepite come opportunità di miglioramento e di sviluppo della capacità di resilienza, sul superamento delle paure e l’acquisizione di fiducia in se stessi.
Riteniamo che mai come oggi questi valori possano essere utili all’intera comunità ed è per questo che intendiamo metterli al servizio di tutti.
Intendiamo coinvolgere, indistintamente, i bambini e le bambine, le ragazze e i ragazzi del nostro territorio, rimuovendo tutti gli ostacoli di tipo economico, sociale, culturale, o legati ad eventuali disabilità o difficoltà di varia natura.
Il rugby è infatti uno sport inclusivo, uno sport per tutti, nonché un potente mezzo per veicolare messaggi, valori e comportamenti positivi.
Questo sistema di valori insito nel rugby, insieme alla convinzione che esso abbia una funzione sociale prima ancora che puramente sportiva, è ciò che ci spinge a proporre la presente iniziativa per i prossimi mesi, in forma totalmente gratuita.

Strutturazione e caratteristiche del progetto
Il progetto territoriale “IL RUGBY C’È” prevede la possibilità, per tutti gli alunni e le alunne delle scuole interessate, di partecipare gratuitamente ad attività di rugby, sia in orario curricolare, sia extracurricolare, per l’anno scolastico/stagione sportiva 2020-2021.

Destinatari
Tutti gli alunni e le alunne delle scuole primarie e secondarie di primo grado dei comuni di Segni, Carpineto Romano, Montelanico, Gorga.

Contenuti e attività
Per tutte le attività proposte saranno applicati i protocolli anti-contagio emanati dalle autorità sanitarie, dal Ministero dell’Istruzione e dalla Federazione Italiana Rugby.
La proposta didattica è articolata e differenziata per ogni grado di scuola e fascia di età.

Scuola primaria
• L’attività in orario curricolare prevede momenti di sviluppo della motricità di base, in forma multilaterale, per mezzo di circuiti, percorsi, giochi, staffette, e la proposta del gioco del rugby in forma adattata e adeguata alla fascia d’età (per regolamento, campo e attrezzature).
• Nelle attività proposte viene ricercata l’interazione e la collaborazione tra i componenti del gruppo.
• Saranno previsti ulteriori momenti di approfondimento della proposta curricolare, in orari extracurricolari su libera adesione, nei giorni e orari indicati nel paragrafo “tempi”.

Scuola secondaria di primo grado
• L’attività curricolare è basata sullo sviluppo delle capacità coordinative e organico-muscolari, attraverso prove di tipo destrutturato e semistrutturato (percorsi, staffette, prove multiple, giochi a tema su specifiche abilità del rugby, con valenze trasversali).
• Proposta del gioco del rugby in forma adattata e adeguata alla fascia d’età (per regolamento, campo e attrezzature).
• Nelle attività proposte viene ricercata l’interazione e la collaborazione tra i componenti del gruppo.
• L’attività extracurricolare, su libera adesione, sarà finalizzata anche all’acquisizione di elementi tecnico-tattici del rugby, in forma adeguata all’età e al livello dei partecipanti.

Tempi
In orario curricolare: incontri settimanali in giorni e orari da stabilire con gli insegnanti interessati.
In orario extracurricolare: allenamenti nei giorni Martedì, Mercoledì, Venerdì dalle ore 17:00 alle ore 19:00.
Il progetto avrà durata dal mese di Settembre 2020 al mese di Giugno 2021.

Spazi
Tutte le attività, sia in orario antimeridiano che pomeridiano, si svolgeranno presso il campo di rugby “M. Paparozzi”, in Viale dello Sport a Segni.
Il trasporto degli alunni (andata-ritorno da scuola) avverrà tramite servizio di scuolabus, in orario curricolare.
In caso di condizioni meteorologiche avverse o di altre necessità contingenti, si potrà prevedere lo svolgimento delle attività in luoghi chiusi adeguati (palestra), valutandone preventivamente l’opportunità insieme alle scuole e tenendo in considerazione il rispetto dei protocolli sanitari anti-contagio emanati dalle autorità sanitarie, dal Ministero dell’Istruzione e dalla Federazione Italiana Rugby.

Risorse coinvolte
Allenatori-educatori Fir, insegnanti delle scuole primarie, docenti di scienze motorie e di sostegno.
Amministrazioni comunali, per quanto riguarda il trasporto degli alunni da scuola al campo da rugby e viceversa, tramite servizio scuolabus in orario antimeridiano.

Conclusione del progetto
A conclusione del progetto, nel mese di Giugno 2021, sarà organizzata la “Giornata del rugby”, presso il campo sportivo “M. Paparozzi” a Segni, durante la quale si svolgerà una manifestazione finale che vedrà la partecipazione delle scuole coinvolte nel progetto e strutturata come mini-torneo.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top