• Senza categoria

Il Com. della Legione Carabinieri “Lazio”, Gen. Maruccia in visita al Comando Provinciale di Frosinone

Nola FerramentaNola Ferramenta

Il Gen. Gaetano Maruccia con il Colonnello Antonio Menga di fronte ai militari schierati

Il Gen. Gaetano Maruccia con il Colonnello Antonio Menga di fronte ai militari schierati


FROSINONE
– Il Gen. B. dei Carabinieri Gaetano Maruccia, Comandante della Legione Carabinieri “Lazio”, ha visitato, oggi, il Comando Provinciale di Frosinone. L’Alto Ufficiale ricevuto dal Com.te Provinciale Col. Antonio Menga, nell’occasione ha incontrato il Prefetto di Frosinone, S.E. dott. Eugenio Soldà ed una rappresentanza dell’Associazione Nazionale dei Carabinieri in congedo.

Il Generale Maruccia ha consegnato poi degli encomi semplici ai militari del Comando Provinciale ciociaro che si sono particolarmente distinti in occasione di brillanti operazioni di servizio: 

• Ten. Col. Fernando MAISTO, Comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Frosinone,  con la seguente motivazione:
–          Comandante di Reparto Operativo, dando prova di non comune capacità investigativa e notevole determinazione, dirigeva, partecipandovi personalmente in tutte le fasi più delicate, complessa attività d’indagine che consentiva di disarticolare un’associazione per delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti, concussione, corruzione e falsità ideologica. L’operazione si concludeva con l’esecuzione di otto O.C.C.C. e il sequestro di beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa 6.000.000 di Euro.  

• Mar.A.s.UPS Salvatore STRUSCIOLO; 

Anejo - Agostino BalziAnejo - Agostino Balzi

• Mar.A.s.UPS Vincenzo ELIA; 

• Mar. Ca. Roberto BENINI.
Motivazione:
–          Dando prova di elevata professionalità, notevole acume investigativo e lodevole dedizione, fornivano determinante contributo a complessiva attività d’indagine che consentiva di disarticolare un’associazione per delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti, concussione, corruzione e falsità ideologica. L’operazione si concludeva con l’esecuzione di otto  O.C.C.C. e il sequestro di beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa 6.000.000 di Euro.   

• Luogotenente Marco CONETTA; 

• Mar.A.s.UPS Massimo POLLETTA.
Motivazione:
–          Comandante di Aliquota Radiomobile di Compagnia distaccata/comandante di Stazione capoluogo in sede vacante, evidenziando elevata professionalità, alto senso del dovere e non comune iniziativa, fornivano determinante contributo al salvataggio di un uomo che, con chiari propositi suicidi, intendeva lanciarsi da un cornicione della propria abitazione.  

• Luogotenente Marcello COLELLA; 

• Mar. Ca. Antonio DE CRESCENZO; 

• Mar. Ca. Dario POGGIANI; 

• Mar. Ca. Domenico SERPICO; 

• App. Massimo RECCHIA:
Motivazione:
–          Comandante e addetti a Nucleo Operativo Radiomobile/Comandante di Stazione distaccata, dando prova di elevata professionalità, notevole acume investigativo e lodevole dedizione, forniva determinante contributo a complessa attività d’indagine che consentiva di disarticolare due gruppi criminali responsabili di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, incendio doloso e truffa. L’operazione si concludeva con l’arresto di cinque persone, l’esecuzione di sedici provvedimenti restrittivi e il sequestro di gr. 100 circa di cocaina, tre cartucce e materiale vario per la pesatura e il confezionamento della droga.  

• Luogotenente Gianni MASTANTUONI; 

• Mar.A.s.UPS Patrizio VELLUCCI.
Motivazione:
–          Addetti a Nucleo Operativo e Radiomobile di Compagnia distaccata, dando prova di elevata professionalità, notevole acume investigativo e spirito di sacrificio, conducevano complesse indagini che consentivano di disarticolare quattro sodalizi criminali variamente responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti e associazione per delinquere finalizzata alla spendita di monete falsificate, possesso e fabbricazione illegale di documenti d’identità. Le operazioni si concludevano con l’arresto di 23 persone, la denuncia in stato di libertà di altre otto e il sequestro di numerose dosi di droga e certificazione varia comprovante l’illecita attività.  

Nel successivo rapporto tenuto al personale alla presenza di tutti gli Ufficiali comandanti e di una rappresentanza delle Compagnie e Stazioni della Provincia nonché del Cobar (Comitato Base di Rappresentanza), il Comandante della Legione si è soffermato sull’importante funzione svolta dai Carabinieri nella costante presenza e visibilità sul territorio attraverso i Comandi di Stazione, il cui obiettivo primario è quello di garantire sicurezza anche e soprattutto attraverso il costante contatto con i cittadini.

Il Comandante Provinciale Colonnello Antonio MENGA ha ringraziato il Comandante della Legione per la sensibilità e disponibilità nei confronti del personale e per l’attenzione all’attività operativa che i Carabinieri svolgono in ciociaria.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top