Furti in appartamento. A Mandela uno dei due ladri si lancia dal balcone, l’altro sfugge all’arresto. A San Vittorino i Carabinieri arrestano tre minorenni rom

Nola FerramentaNola Ferramenta

TIVOLI – Negli ultimi giorni i Carabinieri della Compagnia di Tivoli sono stati impegnati in particolari servizi finalizzati alla repressione del fenomeno dei furti in abitazione.

Mandela
I militari della Stazione Carabinieri di Vicovaro, competenti anche sul territorio del Comune di Mandela, l’altro ieri notte, hanno arrestato un cittadino albanese sorpreso a tentare un furto in abitazione.
Il 26enne, con un suo complice, si era introdotto da poco all’interno di una abitazione disabitata del piccolo comune romano. Sembrava gioco facile per i due malviventi fare razzia di quanto era presente in quella casa ma, un comune cittadino, passando e vedendo le luci accese in quella casa solitamente disabitata, ha dato subito l’allarme chiamando il 112.
Alla chiamata ha subito risposto un militare della Centrale Operativa della Compagnia di Tivoli che ha immediatamente inviato sul posto la pattuglia più vicina.
Giunti sul posto, i due Carabinieri della Stazione di Vicovaro, già impegnati in uno specifico servizio di vigilanza e repressione del fenomeno dei furti in abitazione disposti dalla Compagnia di Tivoli, hanno trovato i due “con le mani nel sacco”.
I militari si sono precipitati verso l’abitazione notando che, uno dei due malviventi stazionava nei pressi di una finestra cercando una via di fuga e mai avrebbero pensato che pensasse di trovarla lanciandosi da circa 15 metri di altezza.
Ed invece, il 26enne, braccato dai militari, ha deciso di lanciarsi provocandosi però serie ferite alle gambe.
I due carabinieri, quindi, prestavano soccorso al ladro aspirante “Icaro” e, una volta messo in sicurezza, lo hanno condotto presso l’ospedale di Tivoli per le cure necessarie.
L’altro malvivente, grazie al “diversivo” fornito dal suo “collega”, è riuscito ad allontanarsi ma le indagini stanno stringendo il cerchio attorno a lui.
Il 26enne albanese, al momento si trova presso l’Ospedale di Tivoli in stato di arresto a disposizione della magistratura tiburtina che, nella giornata di domani, procederà alla convalida dell’arresto.

San Vittorino Romano
I Carabinieri della Stazione di San Vittorino Romano, durante un servizio di perlustrazione notturno, hanno arrestato tre minori di etnia rom intenti a saccheggiare una abitazione.
I tre, tutti di età compresa tra i 14 e i 15 anni, con il favore delle tenebre, si erano intrufolati all’interno di una abitazione di una anziana 70enne che, fortunatamente, non era presente al momento della loro irruzione.
Sembrava andare tutto per il verso giusto per i tre novelli “Lupin” ma all’uscita dall’abitazione si sono trovati una pattuglia di Carabinieri della Stazione Carabinieri di San Vittorino che, allertata dalla Centrale Operativa del Comando Compagnia di Tivoli, su indicazione di alcuni vicini che hanno dato l’allarme.
I tre, colti sul fatto, non hanno accennato neanche alla fuga. Nei loro zainetti sono stati ritrovati tutti i ricordi di famiglia rubati all’anziana signora, ossia gioielli in oro e orologi appartenuti al defunto marito.
Messi a disposizione della magistratura minorile, per i tre minorenni si sono aperte le porte di una Comunità restrittiva per minori.
La refurtiva, invece, è stata consegnata dai Carabinieri all’anziana signora che ha ringraziato i militari per aver salvato i suoi preziosi ricordi dalle mani dei tre ladri.
I servizi finalizzati alla repressione del fenomeno dei furti in abitazione, sulla base delle indicazioni ricevute dal Comando Compagnia Carabinieri di Tivoli, sono tra quelli su cui sono principalmente impegnati i Carabinieri della Stazione di San Vittorino Romano e, ovviamente, proseguiranno incessanti.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top