• Senza categoria

Frosinone. Polizia di Stato. Eroi della sicurezza premiati al 97° Giro d’Italia

Pullman azzurro Polizia

FROSINONE – Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza anche quest’anno, in occasione del tanto atteso evento ciclistico, ha promosso una campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale, legata al progetto “Biciscuola”, attraverso la partecipazione del Pullman Azzurro che ha coinvolto le scolaresche.

Il progetto si basa sulla convinzione che l’informazione e l’educazione stradale, rivolta in particolar modo agli studenti, rappresentino uno strumento fondamentale per contrastare il fenomeno della mortalità connessa al verificarsi degli incidenti stradali che per i giovani costituiscono la prima causa di morte.

In occasione della tappa di oggi, a Frosinone, si è svolta la terza edizione del premio “Eroi della sicurezza” rivolto al personale della Polizia Stradale che si sia distinto per professionalità ed umanità nello svolgimento dei compiti d’istituto.

A ricevere l’ambito riconoscimento 4 operatori della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino: l’Ispettore Capo Andrea Pezone, l’Assistente Capo Luigi Schiavone, l’Assistente Capo Mario Tardivi e l’Assistente Capo Maurizio Riccardi.

Era il 15 aprile del 2013 quando l’Ispettore Pezone e l’Assistente Schiavone, in servizio di pattugliamento autostradale, ricevono una nota di rintraccio dal COA di Fiano Romano relativa al conducente di un’Alfa Romeo che ha manifestato agli operatori della sala operativa l’intento di suicidarsi.
I poliziotti si mettono alla ricerca dell’auto segnalata trovandola parcheggiata in una piazzola di sosta mentre l’autista si sta incamminando in direzione della corrente di traffico.
Sono attimi di grande tensione e di timore per quanto di grave potrebbe accadere.
Con sprezzo del pericolo gli operatori rincorrono a piedi l’uomo sino a bloccarlo, mettendolo in salvo ed evitando il coinvolgimento degli automobilisti in transito.

Una scena simile, se non ancor più rischiosa, quella vissuta dagli Assistenti Tardini e Riccardi il 9 giugno del 2013.
Hanno infatti ricevuto la segnalazione di un uomo che sta viaggiando contromano nel tratto autostradale ricadente tra i caselli di Ceprano e Pontecorvo.
Con grande professionalità si attivano per rallentare il traffico e nel contempo ricercare l’auto segnalata.
La rintracciano nei pressi di una scarpata e poco distante notano un giovane che in evidente stato di alterazione psicofisica sta raggiungendo lo spartitraffico centrale correndo il reale rischio di essere investito dalle auto che nel frattempo stanno sopraggiungendo.
Gli agenti dopo aver fatto rallentare le auto in transito, raggiungono il ragazzo bloccandolo, salvandogli così la vita.

Un riconoscimento quanto mai meritato quello ottenuto dai poliziotti della Polizia Stradale che ogni giorno garantiscono la “sicurezza” in strada.

Milioni i viaggiatori che ogni giorno si mettono in auto per raggiungere diverse destinazioni sperando di raggiungerle nel minor tempo possibile.
Sono proprio gli “angeli della strada” che contribuiscono con il proprio lavoro, ad assicurare continuità a quegli spostamenti.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top