• Senza categoria

Frosinone. Migliaia di persone alla fiaccolata contro i tagli alla Sanità. Richieste a gran voce le dimissioni del Dg dell’Asl

Nola FerramentaNola Ferramenta

Fiaccolata Frosinone

FROSINONE – Sono arrivati da ogni angolo della Ciociaria, i cittadini che hanno risposto positivamente e con interesse, all’invito del Coordinamento provinciale per la Sanità a partecipare alla fiaccolata che si è svolta ieri sera, 11 Settembre, a Frosinone per manifestare in favore del diritto alla salute e contro la politica dei tagli alla sanità.

All’appuntamento sono giunti in gruppi organizzati ed in molti casi anche “in ordine sparso”. Chi si è impegnato a stimare le presenze con un’accurata misurazione ha dichiarato che a piazza dei Martiri di Valle Rotonda, nei pressi del campo sportivo, potevano esserci 3mila e persone e più…

In Villa a Frosinone sono giunti da Alatri, Anagni, Arce, Paliano, Serrone, Acuto, Fiuggi, Pofi, Ceccano, Ceprano, Pontecorvo, Monte San Giovanni Campano, Strangolagalli, Boville, Castelliri, Isola del Liri, Arpino, Sora, Pescosolido, Settefrati, Fontana Liri… queste erano almeno le provenienze “identificabili”…

Tra loro anche il Commissario della Provincia di Frosinone, e numerosi Sindaci.

Anche il tempo meteorologico ha voluto in qualche modo collaborare alla fiaccolata mostrando clemenza, dopo il nubifragio del mattino, nei confronti del lungo corteo che si è snodato per le vie della città partendo dalla Villa Comunale, percorrendo Via Aldo Moro, per giungere allo stadio.

Una manifestazione che ha coinvolto tutti senza distinzioni politiche o sociali. Evidentemente tutti d’accordo intorno al concetto primario che “La Sanità Ciociara non si tocca!”.

Sui tavoli delle contrattazioni sindacali il confronto era sui punti strategici: Distretti socio-sanitari, integrazione rete territoriale ed ospedaliera e Case della Salute; Governo Liste Attesa; Realizzazione di filiere di alta specialità; Implementazione dei livelli di sicurezza dei lavoratori e dei luoghi di lavoro; Politica del personale …
In strada, oltre gli slogan, si è chiesto a gran voce un’inversione di rotta: aumento dei posti letto, potenziamento delle strutture esistenti e del personale medico ed infermieristico…

Nel mirino dei manifestanti il Dg dell’Asl di Frosinone, la dottoressa Isabella Mastrobuono, della quale si vuole l’“esonero”, e soprattutto, il Governatore del Lazio Nicola Zingaretti; la prima “colpevole” di «aver fatto solo chiacchiere», ed il secondo “reo” di non aver mantenuto le promesse…
Sul grande palco allestito a piazza dei Martiri di Valle Rotonda, dove si è concluso il corteo, sono intervenuti in tanti, diversi esponenti istituzionali e rappresentanti delle varie associazioni costituitesi su tutto il territorio provinciale.

È evidente e forte la richiesta per un riequilibrio dei posti letto ed il consolidamento dei più importanti presidi ospedalieri presenti sul territorio della provincia.

Un buon riassunto dalle parole di Francesco Notarcola del Coordinamento provinciale per la Sanità: «L’attuale situazione che vivono i cittadini della provincia di Frosinone è figlia di responsabilità precise di tutti quegli uomini e quelle donne che in questi anni hanno avuto incarichi nazionali e regionali e  che non si sono mai opposti allo sfascio del territorio nonostante abbiano ricoperto ruoli di primo piano come nel caso di Scalia, De Angelis,  Formisano, D’Aguanno e Abbruzzese, che è stato addirittura presidente del Consiglio regionale…».

 

Potrebbero interessarti anche...

Top