• Senza categoria

A Fiumicino e tra Guidonia e Monterotondo tre discariche abusive sequestrate dalle Fiamme Gialle

Nola FerramentaNola Ferramenta

 

I MILITARI del Comando Provinciale di Roma della Guardia di Finanza hanno scoperto e sequestrato tre pericolose discariche “a cielo aperto”, per un totale di cinque ettari, due delle quali a Fiumicino e l’altra nell’agro di Sant’Angelo Romano, ad oltre venti chilometri dalla Capitale, a metà strada tra Guidonia Montecelio e Monterotondo.

Dopo l’avvistamento dall’alto di un velivolo del Reparto Operativo Aeronavale di Civitavecchia, sono scattati gli accertamenti, rispettivamente delle Compagnie di Fiumicino e di Tivoli per risalire ai proprietari ed agli utilizzatori dei terreni.

A Fiumicino, i militari della Compagnia locale hanno rinvenuto carcasse di autovetture, detriti vari, materiali di risulta di attività edilizie, plastica e materiale ferroso, tutti adagiati sul suolo in assenza di impermeabilizzazione idonea, mettendo seriamente a repentaglio le falde acquifere per l’azione delle sostanze liquide contenute nei veicoli e delle polveri generate dai processi di corrosione delle parti metalliche.

Desolante anche il quadro apparso alle Fiamme Gialle della Compagnia di Tivoli: carcasse di auto, detriti vari, pneumatici, batterie esauste e bombole di gas erano da anni stoccati sul terreno, offrendo uno spettacolo degradato in un sito di rilevante interesse archeologico ed assoggettato a vincolo idrogeologico e forestale.

Tre persone sono state denunciate alle Procure della Repubblica di Civitavecchia e di Tivoli per il reato di gestione di discarica abusiva. E ancora, per scongiurare la possibile contaminazione delle falde acquifere, saranno avviate, a loro spese, le procedure per la bonifica dei terreni.

In tutti e tre i casi, saranno approfondite le posizioni fiscali dei proprietari, per appurare il giro d’affari e la tassazione dei proventi da attività illecite.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top