Elezioni Amministrative Comunali 12 Giugno 2022. Nel Lazio al voto 53 Comuni tra i quali i Capoluoghi di Provincia Frosinone, Rieti e Viterbo

Nola FerramentaNola Ferramenta

OLTRE ad essere giornata di votazioni per il referendum (ne abbiamo trattato qui •>) il 12 Giugno – e solo il 12 Giugno, dalle ore 7 alle ore 23 – in Italia si voterà anche per rinnovare i Sindaci ed i Consiglieri comunali di 975 Comuni con quasi 9 milioni di italiani interessati.

Nel Lazio sono 53 i Comuni in cui si andrà al voto dei quali 23 nell’ambito della Città Metropolitana di Roma Capitale, 8 in Provincia di Frosinone e Viterbo, 7 in Provincia di Latina e di Rieti.
Sono due i capoluoghi di Provincia in cui i cittadini dovranno rinnovare Sindaco e Consiglio Comunale: Frosinone, Rieti e Viterbo.

In particolare andranno al voto i seguenti Comuni: [in neretto i comuni maggiori di 15.000 abitanti – in MAIUSCOLO i comuni capoluogo di provincia]

Provincia di Frosinone (8)
Campoli Appennino, Castelnuovo Parano, FROSINONE, Picinisco, Piedimonte San Germano, Sofi, San Biagio Saracinisco e San Giovanni Incarico.

Provincia di Latina(7)
Cori, Gaeta, Ponza, Sabaudia, San Felice Circeo, Santi Cosma e Damiano, Ventotene.

Provincia di Rieti (7)
Antrodoco, Casaprota, Cittaducale, Nespolo, Pescorocchiano, RIETI, Salisano.

Città Metropolitana di Roma Capitale (23)
Allumiere, Ardea, Camerata Nuova, Capena, Casape, Castel Gandolfo, Castelnuovo di Porto, Cerveteri, Ciampino, Ciciliano, Fonte Nuova, Formello, Grottaferrata, Guidonia Montecelio, Labico, Ladispoli, Lariano, Manziana, Mazzano Romano, Nepi, Nerola, Torrita Tiberina.

Provincia di Viterbo (8)
Barbarano Romano, Capodimonte, Capranica, Castel Sant’Elia, Latera, Montalto di Castro, Ronciglione, VITERBO.

 

Nelle Elezioni Amministrative Comunali le modalità di espressione del voto cambiano in funzione della popolazione dei Comuni.

Nei Comuni fino a 15.000 abitanti si può tracciare un segno sul nominativo del candidato sindaco o sul contrassegno della lista collegata al candidato sindaco o anche sia sul candidato sindaco che sulla lista collegata al medesimo candidato sindaco: in ogni caso, il voto viene attribuito sia alla lista di candidati consiglieri che al candidato sindaco collegato.
È eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti. In caso di parità di voti si procede ad un turno di ballottaggio domenica 26 giugno tra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti.

Nei Comuni con più di 15.000 abitanti si può:

  • tracciare un solo segno sul rettangolo recante il nominativo di un candidato sindaco, senza cioè segnare alcun contrassegno di lista: in questo caso il voto viene attribuito solo al candidato sindaco prescelto;
  • tracciare un segno solo sul contrassegno di una delle liste oppure tracciare un segno sia sul nominativo del candidato sindaco che su una delle liste collegate al medesimo candidato sindaco: in entrambi i casi il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista collegata;
  • esprimere un voto disgiunto, tracciando un segno sul nominativo del candidato sindaco ed un altro segno su una delle liste ad esso non collegata: in questo caso il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista non collegata.

È eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno). Qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare Domenica 26 Giugno per il ballottaggio tra i due candidati più votati.
All’eventuale turno di ballottaggio il voto si esprime tracciando un segno su uno dei due rettangoli contenenti il nominativo del candidato sindaco prescelto.
Le preferenze si esprimono scrivendo negli appositi spazi il cognome (oppure il nome e cognome in caso di omonimia) dei candidati consiglieri comunali della lista votata.

PREFERENZE

Nei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti si può esprimere una sola preferenza per un candidato consigliere comunale.

Nei comuni con almeno 5.000 abitanti è possibile esprimere non più di due preferenze per i candidati a consigliere comunale, scrivendone il cognome nelle apposite righe tratteggiate poste al di sotto del contrassegno di lista.
In caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza.
Le preferenze devono essere manifestate, esclusivamente, per candidati compresi nella lista votata.