Discarica di Falcognana. Intervengono Renato Brunetta e Alessandro Orlando…

Nola FerramentaNola Ferramenta
L’area della discarica di Falcognana
L’area della discarica di Falcognana


ROMA
– La nota indirizzata il 20 Ottobre (protocollo 50681) al sindaco di Roma, Ignazio Marino, al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, al Commissario Straordinario per l’emergenza rifiuti di Roma, Goffredo Sottile, e al Commissario Straordinario della Provincia di Roma, Riccardo Carpino, inizia ad evidenziare i propri effetti…
In quella nota, inviata dal vice sindaco di Marino, Fabrizio De Santis, unitamente ai sindaci di Ciampino, Carlo Verini, Castel Gandolfo, Milvia Monachesi, e Albano Laziale, Nicola Marini, si contestava «la legittimità, idoneità e opportunità di realizzare la discarica di Falcognana».
Ebbene in queste ore, a sostegno delle tesi dei sindaci dell’area interessata giungono le dichiarazioni del Presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, e del Capogruppo della Lista Marchini al Campidoglio, Alessandro Onorato

Il Presidente dei Deputati di Forza Italia Renato Brunetta
Il Presidente dei Deputati di Forza Italia Renato Brunetta

Brunetta: «L’emergenza rifiuti a Roma rimane lontana dai pensieri e dalle opere del ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e del sindaco Ignazio Marino. E’ ora che governo e amministrazioni locali escano da questo imbarazzato silenzio e dicano alla citta’, in modo chiaro e trasparente, cosa si sta facendo per progettare e gestire un piano di uscita dalla situazione attuale di gravissima crisi.
A partire dai lavori che sono in corso da alcune settimane nell’impianto della Falcognana. Lavori che rafforzano le nostre preoccupazioni e accrescono i dubbi che da mesi continuo a rappresentare nell’Aula del Parlamento con interpellanze e interrogazioni urgenti a tutti i ministri coinvolti e al presidente Enrico Letta. Il governo dopo tante parole ora deve intervenire, e intervenire subito. Sui rifiuti di Roma ha il dovere di dire quale sia il progetto che sta cercando, di attuare e quale sia il mandato al Commissario straordinario Goffredo Sottile ma, anche e soprattutto, il governo ha il dovere di fermare immediatamente ogni opera abusiva se accertata dai propri funzionari. Il blocco immediato dei lavori a Falcognana mi sembra un atto dovuto – sottolinea Brunetta – , almeno in attesa del completamento dell’iter di autorizzazione. Se si pensa di ampliare l’impianto attuale per portare rifiuti urbani senza la necessaria integrazione all’autorizzazione esistente, peraltro del 2003, si commette una gravissima violazione». 

Il Capogruppo della Lista Marchini al Comune di Roma, Alessandro Onorato
Il Capogruppo della Lista Marchini al Comune di Roma, Alessandro Onorato

Onorato: «Dal ministero per i Beni e le Attività Culturali è arrivata ancora una conferma dell’inadeguatezza del sindaco Marino e della sua giunta, che per mesi hanno cantato vittoria sulla chiusura di Malagrotta e sulla nascita della discarica di Falcognana ma che oggi si trovano ad affrontare l’ennesimo problema irrisolto.
Basta col toto-discarica sulla pelle dei cittadini romani.
Serve una strategia concreta per trasformare i rifiuti in risorsa. Marino, ad oggi, non è stato in grado di affrontare davvero il problema ne’ di ridurre i costi, economici e ambientali, che l’Ama e quindi i cittadini sono costretti ad affrontare. Non a caso – conclude – a gennaio i romani dovranno pagare una sovrattassa per i rifiuti»