Denunce in aumento a causa dell’uso denigratorio delle bacheche dei social network facebook, twitter, google+

Nola Estate 2019Nola Estate 2019

facebook-computer

GLI UTENTI dei social network, come ad esempio facebook, non hanno una concezione corretta di quelli che sono gli spazi pubblici a disposizione, immaginandoli come aree franche, agorà dove tutto è consentito, per cui si può denigrare, offendere, minacciare, perseguitare qualcuno, come se tali esternazioni online fossero esenti da responsabilità morali e giuridiche. Non è così.

Si moltiplicano, difatti, le denunce ricevute dalla Polizia di Stato, ma anche dai Carabinieri, per reati che si consumano con leggerezza sulle bacheche pubbliche di facebook, da parte di internauti molto spesso ignari delle conseguenze giuridiche dei propri post.

Volantino Marmorato Expert Colleferro – Un regalo a tutto volume - 11-24 Luglio 2019

Gli illeciti più frequenti sono le ingiurie, la diffamazione, le minacce e gli atti persecutori, ovvero il cosiddetto stalking, molto spesso azioni costituenti il fenomeno del bullismo, più specificatamente ribattezzato cyberbullismo.

Il ricorso alle esternazioni via web investe anche i tutori dell’ordine, spesso fatti oggetto di campagne denigratorie, così come recentemente accaduto alle Polizie Locali di Lignano, Ravenna e Colleferro, solo per fornire qualche esempio, i cui comandanti hanno denunciato alcuni loro concittadini che avevano postato su facebook commenti ingiuriosi e diffamatori circa l’operato degli addetti ai rispettivi corpi.

Episodi che devono invitare alla riflessione sul corretto uso dei social network e sui rischi che possono comportare condotte illecite, sia che siano consumate in un impeto di rabbia o partorite con livore per ostilità gratuita verso le autorità.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top