Dal cavalcavia Cisternole di Frascati, alla Cisterna-Valmontone. Dalla questione del Comune di Artena, alle elezioni del Sindaco di Roma. Intervista al Sen. Bruno Astorre

Nola Ferramenta outfitNola Ferramenta outfit

ABBIAMO avuto modo di incontrare il Senatore Bruno Astorre, Segretario regionale del Partito Democratico e membro della Direzione Nazionale del Pd.
L’occasione non ci è sfuggita per porgli alcune domande su questioni di attualità e di estremo interesse.

Farmacia Comunale Colleferro ScaloFarmacia Comunale Colleferro Scalo

– Senatore che notizie può darci relativamente allo stato di avanzamento della realizzazione del cavalcaferrovia Cisternole di Frascati. Sappiamo che sull’argomento ha presentato una interrogazione…

«Sì, in quell’interrogazione presentata ai Ministri delle Infrastrutture e Trasporti e dell’Economia e Finanze ho chiesto di intervenire per sollecitare Rete Ferroviaria Italiana SpA, quale soggetto esecutore dell’infrastruttura, a portare avanti i lavori secondo un cronoprogramma definito, con tempi certi di realizzazione e consegna dell’opera.
Devo dire che i primi effetti si stanno già vedendo.
Del resto abito là vicino, sono del territorio, quindi conosco bene l’importanza strategica di quell’opera, in primo luogo per quanto riguarda la mobilità: quel cavalcavia oltre a rendere la viabilità molto più fluida, consentirebbe anche ai pedoni di muoversi in maggiore sicurezza.
Rimane in sospeso l’idea del ristoro economico che ho chiesto di prendere in considerazione per quelle attività che hanno subito una forte diminuzione degli introiti dovendo fronteggiare da un lato la crisi, effetto delle restrizioni dovute alla pandemia, e dall’altro i disagi dovuti ai lavori in corso».

Ecoerre-Poliambulatorio_SpecialisticoEcoerre-Poliambulatorio_Specialistico

– E relativamente allo stato di avanzamento della realizzazione dell’A12 Roma-Latina e soprattutto della Cisterna-Valmontone?

«Sono contento di rispondere a questa domanda perché sulla questione dell’A12 Roma-Latina ci sono state delle polemiche pretestuose con riferimento al fatto che non è stato disposto un commissariamento per la sua realizzazione.
Il progetto è stato revisionato dal Ministero rispetto al suo impatto sul territorio ed è quindi uscito dall’elenco di quelle  infrastrutture caratterizzate da un elevato grado di complessità progettuale e da una particolare difficoltà esecutiva o attuativa o da criticità delle procedure tecnico-amministrative. Quindi non si è proceduto con il commissariamento, ma l’opera si farà perché e comunque considerata un’opera prioritaria. A realizzarla sarà una nuova società, Autostrade del Lazio Spa, concessionaria autostradale costituita da Anas e Regione Lazio.
Questo tratto viario avrà un pedaggio che sarà più accessibile in quanto la revisione del progetto consentirà un minor consumo di suolo, con importanti benefici in termini ambientali, e minori costi di realizzazione.
Altro discorso va fatto per la Cisterna-Valmontone che verrà realizzata da un soggetto attuatore diverso – molto probabilmente Astral (Azienda Strade Lazio) – avrà 4 corsie, due per senso di marcia, e sarà senza pedaggio. Su questo progetto sono previsti risvolti positivi già nelle prossime settimane».

– Senza allontanarci troppo, né in termini di distanze chilometriche, né in termini cronologici, sul finire del mese di ottobre sono stati arrestati dai Carabinieri il Sindaco di Artena, Felicetto Angelini, e l’assessore ai Lavori Pubblici, Domenico Pecorari, entrambi in forza al Pd…

«Prima di ogni ulteriore considerazione intendo confermare la mia stima personale nei confronti di Domenico Pecorari e Felicetto Angelini, che apprezzo molto anche sotto il profilo professionale e che conosco dai tempi di quando eravamo Consiglieri in Provincia di Roma (1995-1998).
Confido nella loro possibilità di chiarire ogni addebito nel processo che dovranno affrontare.
Sul piano politico, insieme ai segretari Pd di Artena Paffetti e provinciale Maugliani, abbiamo invitato entrambi e gli altri amministratori a trarre le conclusioni della situazione e a fare un passo indietro in modo da poter riconsegnare la città agli elettori anche per consentire agli stessi indagati di potersi difendere al meglio delle proprie condizioni e possibilità»

– Non è ancora passato il Natale e sicuramente le primarie si svolgeranno a tempo debito… Ma qualche anticipazione sulle elezioni del Sindaco di Roma Capitale? Assolutamente esclusi accordi con M5S?

«Roma deve tornare ad essere protagonista. La ricandidatura annunciata della Raggi, che ha spaccato lo stesso Movimento 5 Stelle, è una prospettiva che non riteniamo per niente interessante.
Roma non è una città che può rinunciare alle Olimpiadi o ad eventi importanti come il Tribunale europeo dei brevetti o le finali 2021 della Uefa Nations League. Ed anche nell’affrontare la pandemia le decisioni prese dalla Raggi per gestirla sono state catastrofiche… Per non parlare dell’aspetto legalità con riferimento alle inchieste che hanno colpito i dirigenti da lei scelti, le aziende capitoline ed il suo stesso staff…
Un accordo politico con i 5 Stelle che ricandidano la Raggi è impossibile.
Il candidato a Sindaco di Roma del centrosinistra sarà il frutto di un percorso ambizioso che avrà come priorità Roma ed il suo futuro che dovrà tornare ad essere splendente.
Penso che a breve dal centrosinistra ci saranno delle novità molto interessanti al riguardo…».

– Il maltempo di questi giorni ha messo ancora una volta in evidenza l’inadeguatezza delle infrastrutture e la trascuratezza degli invasi per far fronte ad eventi atmosferici particolarmente forti, tali da far dichiarare allerta rossa per l’intera area laziale a sud di Roma. Sono in programma interventi particolari in questo senso?

«La questione del dissesto idrogeologico è molto importante ed è al centro di diversi studi che si stanno effettuando in Regione. Ho seguito personalmente e con apprensione le 48 ore di allerta rossa, con la mareggiata di Ostia, quelle dell’area in Provincia di Latina e i disagi in Ciociaria. So che l’Assessore regionale ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio Mauro Alessandri si sta muovendo in tal senso con la previsione di interventi che mobiliteranno ingenti risorse economiche».

 

Nel corso della sua carriera politica il Sen. Bruno Astorre è stato Consigliere della Provincia di Roma, Assessore ai Lavori Pubblici ed alla Casa della Regione Lazio, Presidente e vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio.
Nel suo primo mandato da Senatore (XVII Legislatura 2013-2018) è stato membro della Commissione di vigilanza della Cassa depositi e prestiti.
Rieletto Senatore della Repubblica nel 2018 è membro dell’VIII Commissione permanente Lavori Pubblici e Comunicazioni.
È membro della Direzione Nazionale del Pd.