Con il 1° Premio di studio “Serg. Arm. Costantino Vittori”, l’Ass. Arma Aeronautica di Segni ha festeggiato la Patrona Madonna di Loreto [Foto]

Nola Estate 2019Nola Estate 2019

SEGNI | COLLEFERRO (RM) – Lo scorso 26 Novembre l’Associazione Arma Aeronautica di Segni, come da tradizione, ha festeggiato la ricorrenza della Patrona Madonna di Loreto.

Quest’anno l’occasione è stata particolarmente interessante in quanto tale giornata è coincisa con la cerimonia di premiazione del 1° Premio di studio “Serg. Arm. Costantino Vittori”.

I soci, i numerosi simpatizzanti e gli invitati si sono dati appuntamento presso la Chiesa Santa Maria degli Angeli dove è stata celebrata la SS. Messa dedicata alla Patrona dell’Arma Azzurra.

Settimana Lenovo Marmorato Expert Colleferro

A seguire, presso l’Hotel “La Pace”, ha avuto luogo la cerimonia di premiazione alla quale, per motivi familiari, non è stato presente il Presidente dell’AAA di Segni, il Brig. Gen. Antonio Colaiacomo, sostituito per l’occasione dal Gen. Isp. Capo Manlio Carboni che nel suo discorso di saluto ha ringraziato in primo luogo la Famiglia Vittori per aver voluto istituire il Premio di Studio intitolato al loro congiunto Costantino.
Parole di ringraziamento sono state rivolte anche all’Amministrazione comunale per il patrocinio, al dr. Giuseppe Raviglia, in qualità di Presidente del Comitato Soci della Banca di Credito Cooperativo di Roma ed all’Hotel “La Pace” per aver contribuito fattivamente all’organizzazione della giornata.

Per quanto disposto nel bando, i premi di studio – intitolati alla memoria del “Serg. Arm. Costantino Vittori” – erano tre, per complessivi 1800 euro, così ripartiti:

• 300 euro al vincitore della terza sezione [alunni frequentanti il 3° anno delle Scuole secondarie di primo grado, degli Istituti Comprensivi situati nei Comuni di Segni, Colleferro, Carpineto Romano, Montelanico e Gavignano, per un lavoro manuale (plastico – disegno – cartellone – fotografie), sul tema: Lo Spazio – Presente e Futuro];
• 500 euro al vincitore della seconda sezione (alunni frequentanti il 5° anno delle Scuole Superiori situate nei comuni di Segni e Colleferro, per la realizzazione di un plastico o l’elaborazione di una Tesina di ricerca sul tema: Lo Spazio – Presente e Futuro [nessun lavoro è stato presentato per questa sezione];
• 1000 euro a favore di un laureato (da non più di tre anni alla data del Bando)residente in uno dei Comuni della Regione Lazio, in possesso di Diploma di Laurea Magistrale Specialistica, per una Tesi di Laurea nell’ambito delle Discipline Aeronautiche, Aerospaziali ed Aeromediche.

La Commissione giudicante era composta da: Gen. S.A. Enzo Vecciarelli, Prof. Marcello Onofri, Prof. Antonio Paolozzi, Ing. Daniele Drigo, B. Gen. Antonio Colaiacomo, dr. Alberto Rocchi, dr. Giuseppe Donato e dal nostro Condirettore Giulio Iannone.

Tutti i premi sono stati consegnati dalla Sig.ra Maria Antonietta Vittori, aggiudicando il premio inferiore, di 300 euro, in parti uguali agli Istituti che hanno partecipato per “l’impegno dimostrato dalle classi partecipanti” e cioè all’Istituto “Don Cesare Ionta” di Segni ed all’Istituto Comprensivo Colleferro 2. Il premio è stato ritirato dalle Prof.sse Lucia Marchetti e Giuseppina Fabrizi e dalle Prof.sse Ilaria Proia e Daniela Ionta.

Il premio di 500 euro è stato invece assegnato ai vincitori della terza sezione e cioè agli alunni della 3^ D della Scuola secondaria di 1° grado “Leonardo da Vinci” dell’Istituto Comprensivo Colleferro 1. Hanno ritirato il Premio gli alunni accompagnati dalla Dirigente Scolastica Dott.ssa Antonella Romani e dalle Professoresse Rachele Marozza e Maria Coletta.

Il premio di 1000 euro, relativo alla prima sezione, se l’è aggiudicato l’Ing. Marco Carpentiero che ha presentato la Tesi di Laurea Magistrale di ingegneria spaziale e astronautica dal titolo “Progetto e sperimentazione di un sistema di guida e navigazione mediante visione stereoscopica per un veicolo autonomo”. Tesi che gli è valsa la Laurea con la votazione di 110/110 con lode.

Dopo i saluti delle Autorità, ultimo ad intervenire è stato il Gen. Carboni il quale ha ringraziato tutti i convenuti ed ha anticipato che, per l’anno prossimo, il 2° Premio verrà bandito nel mese di settembre del 2017.
Al termine della Cerimonia è stato offerto a tutti gli studenti intervenuti un buffet ed a seguire ha avuto inizio il consueto Pranzo Sociale.
Tra i presenti all’evento anche il “nostro” meteorologo Col. Giancarlo Bonelli.

Un plauso va senz’altro al Segretario dell’Associazione Alberto Pennese che è stato tra i più impegnati nell’attivare e seguire il concorso in ogni sua più piccola sfaccettatura, dalla scelta dei membri giudicanti, all’organizzazione degli incontri, fino all’ultimo atto.
Un lavoro che non ha lasciato dubbi sull’opportunità di proseguire con il Premio di studio “Serg. Arm. Costantino Vittori”, grazie alla volontà della Famiglia Vittori, anche negli anni a venire.

– ~ • ∞ • ~ –

Meritevole – e degno di questa nota – è il fatto che gli studenti della 3^ D della “Leonardo da Vinci” hanno deciso di devolvere il premio a Pieve Bovigliana, Comune terremotato della Provincia di Macerata, da destinare a favore di una scuola del posto… Ovviamente il tutto istituzionalizzato dalla dirigenza dell’Istituto Comprensivo Colleferro 1.

Ancora una nota: il lavoro realizzato appositamente per questo concorso dagli alunni della 3^ D, dal titolo“Sinergia” (ϭὐνεργία), è fisso nell’atrio della Scuola Media “Leonardo da Vinci” di Colleferro: la stessa commissione per esaminarlo ha dovuto recarsi sul posto, e particolare è risultata essere anche la descrizione annessa che riportiamo qui di seguito insieme alle foto del lavoro.

 

«Da sempre l’uomo ha sentito il bisogno di scoprire ciò che c’è nello spazio che ci circonda. La nostra curiosità, nel tempo, ci ha portato ad avvicinarci a qualcosa di grande e misterioso: l’Universo.
Il titolo del progetto è “Lo spazio presente e futuro” e ovviamente ci siamo impegnati per cercare di esprimere al meglio questo concetto. Siamo arrivati alla conclusione che una “installazione” avrebbe fatto al nostro caso.
Siamo partiti da un pannello di compensato, dipinto con i colori del cielo e che per noi rappresenta lo SPAZIO PRESENTE…inoltre, con cordoni e lastre di polistirolo appositamente sagomate ed incollate l’una sull’altra, tanto da formare una spirale, abbiamo cercato di rappresentare le onde gravitazionali in espansione.
Sopra il pannello abbiamo applicato uno specchio, che simboleggia l’infinito; uno specchio che riflette l’universo e lo proietta lontano acuendo il senso di profondità e immensità.
Lo spazio “Futuro” è rappresentato dal concetto di curiosità presente in noi TUTTI e che ci spinge da millenni verso galassie lontane, verso il NON conosciuto.
L’universo ci attrae da sempre. In questa installazione la terra, rappresentata con una sfera di plastica al cui interno ci sono della ghiaia, dell’acqua e dell’erba, simboleggia la vita che noi, con una mano stilizzata realizzata con il das e rivestita con le bandiere di tutto il mondo (dato che l’interesse verso lo spazio accomuna tutte le nazioni), offriamo all’universo e che nello stesso tempo ricerchiamo in esso.
Dopo aver riflettuto a lungo sul progetto, siamo arrivati a pensare che, secondo noi, la parola che sintetizza il nostro pensiero è “Sinergia” (ϭὐνεργία). La sinergia tra noi e l’universo, questa sorta di collaborazione continua tra il finito e l’infinito».

 

Potrebbero interessarti anche...

Top