Colleferro. Spazzatrice contro il muro. L’Azienda nega il guasto ai freni… Allora cosa non ha funzionato? Qualcosa di più grave?

Nola Ferramenta Natale 2019Nola Ferramenta Natale 2019

citycat-incidente-colleferro-01

COLLEFERRO (RM) – Con riferimento all’episodio che si è verificato nella giornata di ieri, 13 Settembre, riguardante la spazzatrice di Lazio Ambiente Spa che si è schiantata contro il muro dell’Ospedale di Colleferro su Via del Vignola (vedi articolo qui •>) ci giunge in redazione una precisazione da parte dell’azienda.

Sostanzialmente, la precisazione riguarda la questione – da noi valutata solo come verosimile – che si fosse trattato di un guasto all’impianto frenante, la qual cosa – in qualche modo – avrebbe “colorato di eroico” l’eventuale atto del conducente di dirigere il mezzo contro il muro, invece che invadere pericolosamente la frequentatissima Via Consolare Latina.

Ebbene a Lazio Ambiente Spa preme esclusivamente fugare l’idea che l’incidente sia avvenuto a causa di un guasto all’impianto frenante. E ben venga. Lo scriviamo anche nel titolo.

Ma a questo punto è necessario che si faccia piena luce sull’accaduto.
Perché se non è stato un guasto all’impianto frenante, allora qualcuno deve spiegare con estrema chiarezza cos’altro possa accadere affinché si verifichi un simile episodio.

Quella ipotesi ci era sembrata verosimile…

Le altre che ci vengono in mente possono essere molte altre, più o meno verosimili…

L’asfalto reso viscido dalla pioggia?
In tal caso deve essere vietato il transito su quel tratto perché impercorribile quando piove… (intervento a cura dell’Amministrazione Comunale)

Il CityCat 5000 non è in grado di percorrere simili tratti di strada in caso di pioggia?
Allora bisogna evitarne l’uso col cattivo tempo… (intervento a cura di Lazio Ambiente Spa).

Il conducente era distratto o non presente a se stesso?
Prendere provvedimenti… (intervento a cura di Lazio Ambiente Spa).

Ma perché affrettarsi a smentire quella che per noi era solo un’ipotesi verosimile e non con altrettanta solerzia chiarire i fatti?

Non ci sembra sufficiente un laconico: «Sull’accaduto sono comunque in corso gli opportuni accertamenti per ricostruire l’esatta dinamica».

Giulio Iannone

 

Ad ogni buon conto pubblichiamo di seguito il testo della precisazione.
E non lo facciamo in base all’art. 8 della Legge n. 47 dell’8 Febbraio 1948 (modificato dall’art. 42 della Legge n. 416 del 6 Agosto 1981)… (Diritto di rettifica)

Ma semplicemente perché vogliamo che emerga tutta la verità… 

«Circa la dinamica del sinistro, si contesta quanto da Voi scritto, e cioè che il sinistro sarebbe avvenuto perché «venuta meno la disponibilità dell’impianto frenante». Il mezzo in questione, infatti, come tutti gli altri mezzi utilizzati da Lazio Ambiente per lo svolgimento dei servizi di igiene urbana, era in perfette condizioni sotto ogni punto di vista, a cominciare proprio dal sistema frenante.

Ciò è dimostrato anche dal fatto che, dopo il sinistro, il mezzo in questione è stato rimesso in funzione senza l’ausilio di alcun carro attrezzi e, immediatamente, è stata appurata nel contempo la regolarità di funzionamento del sistema frenante, come dichiarato peraltro dal nostro autista alla Polizia Locale intervenuta sul luogo per i primi accertamenti.
La sicurezza dei lavoratori è per noi prerogativa fondamentale verso la quale Lazio Ambiente ha sempre dimostrato grande attenzione.

Sull’accaduto sono comunque in corso gli opportuni accertamenti per ricostruirne l’esatta dinamica».

F.to Il Direttore Generale – Arch. Demetrio De Stefano

 

Potrebbero interessarti anche...

Top