Colleferro. Il Sindaco Cacciotti: «Incentivi economici e niente Tari per chi adotta un cane randagio…»

Nola FerramentaNola Ferramenta

Colleferro. Niente Tari per chi adotta un cane

Colleferro. Niente Tari per chi adotta un cane…

COLLEFERRO (RM) – In un periodo in cui maggiore è il problema dell’abbandono dei cani, l’Amministrazione comunale sensibilizza i cittadini all’adozione dei randagi. La Giunta comunale ha infatti approvato una delibera con la quale si intende incentivare la popolazione a prendersi cura per sempre di un animale abbandonato.

«Nei mesi estivi purtroppo si assiste ad una recrudescenza del fenomeno dell’abbandono – dice il sindaco Mario Caccciotti – tuttavia il problema è riscontrabile durante tutto l’anno. Sono diversi i cani che sono stati abbandonati nel nostro territorio e speriamo, con questo progetto, che molti vogliano prendersi cura di almeno uno di questi. I cani li ripagheranno certamente con tanto affetto incondizionato».

Tra le iniziative che verranno prese in favore dei cittadini che decideranno di adottare un cucciolo o un cane adulto ci sono l’elargizione di un contributo una tantum per ogni cane, fino ad un massimo di due per nucleo familiare, allo scopo di compartecipare alle spese iniziali che devono essere affrontate quando si decide di adottare un animale ed alcune spese di mantenimento.

Inoltre «Chi adotterà un cane del canile convenzionato col Comune non pagherà la tari. Sarà il nostro ringraziamento per aver compiuto un gesto altruista verso un essere indifeso e per aver contribuito a risolvere un problema che riguarda tutta la collettività: quello del randagismo», ha aggiunto il Sindaco Cacciotti «… e questo non sarà un contributo una tantum – precisa – ma un incentivo economico che pensiamo di far proseguire negli anni a favore di coloro che continueranno a prendersi amorevolmente cura di un animale abbandonato».

I proprietari dei cani che potranno usufruire di queste agevolazioni saranno quelli che sceglieranno tra gli ospiti che si trovano nel canile di Zagarolo cui fa riferimento il Comune, che sono stati accalappiati nel territorio comunale e già ricoverati alla data del 31/12/2013.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top