Colleferro | Segni. Grande successo per la seconda edizione del “Memorial Tommaso Piccirilli” [FotoeVideo]

Nola Ferramenta Natale 2019Nola Ferramenta Natale 2019

COLLEFERRO | SEGNI (RM) – Domenica 21 Giugno, Colleferro ha voluto ricordare Tommaso Piccirilli, grande campione di motociclismo, con una cerimonia semplice, ma emotivamente coinvolgente che ha visto la partecipazione di tanto pubblico e molti MotoClub della Regione e non solo.

La manifestazione “Memorial Tommaso Piccirilli”, organizzata dalla famiglia, con il patrocinio del Comune di Colleferro, è giunta alla sua seconda edizione ed ha preso il via presso la Rotonda del Murillo a lui intitolata riproponendo il tragitto della mitica corsa Colleferro-Segni.

Tommaso Piccirilli, per gli amici Giorgio, era chiamato il “Re di Vallelunga” avendo per primo corso un giro del tracciato corto del circuito “capitolino” sotto il minuto, in sella ad una Honda CB 500 praticamente di serie.
Ma Tommaso “Giorgio” Piccirilli andava forte ovunque, fino alla tragica giornata del 27 Aprile 1975, mentre disputava la terza gara del campionato italiano della classe 350 sul circuito di Imola. Il concorrente che lo precedeva, a causa di un’errata manovra o di un cedimento meccanico, rovinò violentemente a terra, proprio nel momento in cui sopraggiungeva Piccirilli. L’impatto, inevitabile, che coinvolse altri cinque piloti, fu fatale per il giovane motociclista colleferrino. Aveva solo 27 anni.

Nel prendere la parola il Sindaco Pierluigi Sanna ha avuto parole di ammirazione per il giovane e sfortunato pilota, assicurando la sua piena disponibilità affinché questa manifestazione si rinnovi di anno in anno. Alcuni dei compagni di gara di Tommaso, nonostante il passare degli anni, hanno ricordano con grande emozione non solo le sue doti di grande campione, ma soprattutto la sua umanità e disponibilità.

Paolo Pelacci, Presidente del Motoclub Tommaso Piccirilli ha presentato le attività dell’Associazione ed i traguardi raggiunti.
Erano inoltre presenti i neo eletti Consiglieri Sara Zangrilli, Luigi Moratti ed Andrea Santucci.

Emozionante l’intervento dell’Associazione “Solidarietà Bikers”, che permette a molte persone non vedenti di provare la gioia della moto sia da passeggeri, che alla guida dei quad, così come la bella poesia, letta da un papà, dedicata ai motociclisti vittime di incidenti, dentro e fuori la piste.

Verso le 11.30 Il Sindaco Sanna ha tagliato il nastro e dato il via alla “gara” che ha visto i motociclisti dare gas ai motori e scattare verso Segni, tra gli applausi del pubblico.

Eledina Lorenzon

 

Potrebbero interessarti anche...

Top