Colleferro Scalo. Inaugurata la “Casa dei Bambini” a metodo Montessori nel plesso “Flora Barchiesi” dell’I.C. “Margherita Hack”

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (Eledina Lorenzon) – È stata inaugurata Giovedì 15 Settembre la “Casa dei Bambini” a metodo Montessori all’interno del Plesso “Flora Barchiesi” di Colleferro Scalo dell’Istituto Comprensivo “Margherita Hack”.

A fare gli onori di casa c’era la Dirigente scolastica D.ssa Maria Giuffrè che ha accolto il Sindaco Pierluigi Sanna, l’Ass. Diana Stanzani e tanti bambini festanti accompagnati dai loro genitori.

Nel suo intervento la D.ssa Giuffrè ha brevemente illustrato l’iter che ha portato all’importante risultato: «Un lungo cammino iniziato due anni fa, da quando è stata richiesta questa apertura della “Casa dei bambini”, che è a tutti gli effetti una nuova scuola con un nuovo codice meccanografico ed è un’esperienza che andrà avanti negli anni con l’apertura dal prossimo anno di una scuola Primaria ad indirizzo Montessori.
Un indirizzo educativo in cui crediamo fortemente e che ci auguriamo prosegua il percorso di rinascita del plesso “Flora Barchiesi”, che nel 2018 contava due sole piccole due classi, oggi conta un ciclo completo dalla prima alla quinta di scuola primaria e quest’anno si arricchisce di questa nuova realtà».

Nel 2019 l’Istituto Comprensivo “Margherita Hack” ha partecipato ad un bando della Regione Lazio per un progetto intitolato “Laboratori di didattica inclusiva”, ottenendo un primo finanziamento.
Nei tre anni che sono seguiti ha concorso ad una serie di bandi ed iniziative che hanno permesso l’acquisizione di ulteriori finanziamenti per l’acquisto di arredi completamente in legno e specifici per questo tipo di scuola.
Grazie ad un ulteriore finanziamento si potrà continuare a migliorare gli standard di una scuola costruita a misura dei bambini e adatta al raggiungimento di autonomia, indipendenza, responsabilità, curiosità e libertà di espressione.

È importante evidenziare come nel territorio non esistano scuole statali montessoriane, le uniche sono presenti a Velletri e Grottaferrata.

Ricordiamo che Maria Montessori fu pedagoga, educatrice, scienziata, medico, psichiatra, filosofa, antropologa, biologa e psicologa, una vera rivoluzione tutta al femminile. Ella poneva al centro del suo progetto educativo il bambino e la crescita della sua autonomia individuale superando tutte le barriere linguistiche e sociali. Il suo metodo è oggi apprezzato nelle scuole di tutto il mondo.

La Dirigente scolastica ha poi rivolto un sincero ringraziamento al Sindaco Pierluigi Sanna e all’Assessore Diana Stanzani per la costante e proficua collaborazione; un grazie alla formatrice dell’Opera Nazionale Montessori – Italian Montessori Institution – maestra Daniela Pasqualone per il supporto tecnico e pedagogico; grazie alle docenti, a Cristina Sabbioni e al personale tutto che hanno collaborato per la realizzazione del progetto.

Il Sindaco Sanna ha augurato un buon inizio di anno scolastico, ricordando come questa scuola fosse destinata ad un tramonto lento, mentre, come dopo un lungo letargo, questo plesso è tornato a vivere una nuova primavera.

L’Ass. Diana Stanzani ha rimarcato come da sempre il Plesso “Flora Barchiesi” sia un laboratorio di sperimentazione didattica ed oggi rappresenta un centro di incontro di culture diverse, fucina di inclusione e socializzazione.

Si è poi proceduto, con grande emozione, al taglio del nastro ed alla consegna della nuova aula, un ambiente appositamente studiato e creato per stimolare il bambino a sviluppare un processo che lo induca ad esprimere liberamente il proprio io e le proprie doti, confrontandosi con ciò che lo circonda.