Colleferro. Sabato 25 Giugno alle ore 18 nella Sala Ripari (ex Konver), Conferenza “Il complesso cimiteriale paleocristiano di Colle San Quirico (Paliano)”

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO | PALIANO – Sabato 25 Giugno alle ore 18, nella Sala Ripari (ex Konver)in P.le Enrico Berlinguer a Colleferro, si terrà un’interessante Conferenza dal titolo “Il complesso cimiteriale paleocristiano di Colle San Quirico (Paliano).

La conferenza è stata organizzata in occasione della pubblicazione del volume “Il complesso cimiteriale paleocristiano Colle S. Quirico” presso Paliano.

Estate Insieme 2022 ColleferroEstate Insieme 2022 Colleferro

A relazionare sull’argomento – contributo alla conoscenza di un “agglomerato secondario” nella tarda antichità – saranno Vincenzo Fiocchi Nicolai (Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana) e Angelo Luttazzi (Museo Archeologico comunale del territorio Toleriense.

Saluti istituzionali
Mons. Pasquale Iacobone – Segretario Pontificia Commissione di Archeologia Sacra
Mons. Stefan Heid – Rettore Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana
Domenico Alfieri – Sindaco del Comune di Paliano
Pierluigi Sanna – Sindaco del Comune di Colleferro

Il complesso cimiteriale di S. Quirico a Paliano venne scoperto nel lontano 1912 a seguito degli sbancamenti per una cava di pozzolana di proprietà del Principe Colonna.

Dalle iscrizioni rinvenute e dallo studio del materiale recuperato e l’’archeologo Marucchi, datò il cimitero tra il IV e il V secolo d.C.

Le strutture rimanenti del cimitero cristiano sono costituite da tre nuclei di gallerie poste su tre livelli diversi, che probabilmente aprivano i loro accessi sul percorso dell’antica via Prenestina (ex SS 155 per Fiuggi), o comunque partivano da una struttura posta sulla strada.

Gli scavi della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, negli anni ’50 sotto la direzione Padre Antonio Ferrua e nel 2000 sotto la direzione di Vincenzo Fiocchi Nicolai hanno permesso di comprendere quale fosse l’estensione originaria del complesso, di cui, come ipotizzato da Angelo Luttazzi si serviva una comunità cristiana abbastanza ampia, residente in un centro abitato, scoperto negli anni settanta, da una squadra del Gruppo Archeologico Romano sul vicino Colle S. Quirico.