Colleferro. Presentato pubblicamente “Ricordami il tuo sorriso” il libro d’esordio della giovane autrice Sara Di Manno

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (Eledina Lorenzon)Grande emozione al Boccon di Vino, per papà Massimo e mamma Doriana alla presentazione, che si è tenuta qualche settimana fa, del libro d’esordio della giovane autrice Sara Di Manno, in libreria con il suo “Ricordami il tuo sorriso”, Europa Edizioni.

Presenti oltre all’autrice, il Sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna e la relatrice Prof.ssa Elisabetta Votta ed un pubblico numerosissimo che non ha voluto mancare all’incontro, soprattutto i molti amici e compagni di classe.

Il Sindaco, nel prendere la parola dopo aver salutato i tanti intervenuti ed essersi complimentato con Sara per questa sua opera prima, ha sottolineato come «l’importanza per la nostra generazione è di continuare a sognare, continuare ad innamorarsi delle cose che si fanno, continuare a pensare che le cose storte di questo nostro tempo possono essere cambiate», sottraendosi al luogo comune del tanto non cambia niente! Il romanzo d’esordio di Sara è la prova tangibile di quanto i giovani di oggi, che troppo spesso etichettiamo come non impegnati, abbiano capacità e volontà di perseguire i propri sogni e con i suoi diciassette anni Sara è riuscita, con grande impegno e bravura, a scrivere un libro in maniera chiara, con dialoghi ben studiati ed una trama capace di avvincere non solo i giovani, ma i lettori di ogni età.

“Ricordami il tuo sorriso”, un titolo che prelude ad un romanzo dove i sentimenti e le emozioni impregnano ogni pagina, dove avvenimenti imprevedibili danno la possibilità al futuro di sorprenderci e renderci felici.

Pubblicità su Cronachecittadine.itPubblicità su Cronachecittadine.it

«Quando si deve parlare di un libro di un giovane scrittore, soprattutto un libro d’esordio, bisogna accostarsi con delicatezza perché dietro ogni parola sicuramente c’è la sua anima e parte del suo mondo, e proprio con questo spirito, con delicatezza mi sono accostata a questo libro, con cura come si fa con le cose preziose», con queste parole ha esordito la prof.ssa Elisabetta Votta nella presentazione evidenziato come sia una storia di ragazzi, uno spaccato della loro vita e dei loro sentimenti, un libro attraverso il quale si può conoscere meglio il mondo giovanile. I protagonisti sono Hayley, diciassettenne annoiata e stanca della solita routine quotidiana che esce da un anno difficile ed Aiden, giovane con un sorriso così contagioso ed uno sguardo ipnotico, che è impossibile resistergli.
Si incontrano quasi per caso ed inizia una storia romantica dove è bello ridere, dimenticando le sofferenze e soprattutto superare la solitudine, ma riaffiorano le paure, le insicurezze e nuove prove da affrontare che fanno vacillare la fiducia di Hayley in se sessa e nel futuro che l’attende, a dimostrazione che “l’adolescenza non è mai un periodo facile, si è investiti da un uragano di emozioni contrastanti e si vive ogni cosa intensamente, si commettono azioni insensate e istintive, si può arrivare addirittura a farsi del male: il segreto per non lasciarsi sopraffare è amarsi e accettarsi per ciò che si è, ed essere sempre pronti a un nuovo sorriso”.

Con grande sicurezza, anche se emozionatissima, Sara ha poi parlato della sua prima esperienza di autrice, in un libro che tocca molti temi importanti nella società di oggi, così superficiale, dove la sensibilità viene vista come un difetto se non addirittura una debolezza che porterà al fallimento.
La sensibilità, per l’autrice, è farti vedere le cose in maniera differente da chi le vede con la sola razionalità, che è certo molto importante, ma se è l’unica cosa che anima una persona non può che portare ad una visione grigia del mondo, negandosi l’immergersi nelle mille colorate sfaccettature che solo le emozioni possono regalare.

 

Tante le domande e curiosità da parte del pubblico intervenuto a cui Sara ha risposto con grande sicurezza e disponibilità, per poi dedicarsi al firma-copie.

Non possiamo che complimentarci con Sara per questa sua opera prima, augurandole di continuare nel futuro a regalare emozioni e sensazioni meravigliose ai suoi lettori, perché leggere ci rende sicuramente persone migliori!

 

Potrebbero interessarti anche...

Top