Colleferro. In Piazza Nassiriya la città ha celebrato la Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace

Nola FerramentaNola Ferramenta

 

COLLEFERRO – L’Amministrazione comunale di Colleferro ha celebrato la Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace.

Lo ha fatto nella prima mattinata di ieri, 12 Novembre, con riferimento diretto ai 19 italiani (12 Carabinieri, 5 militari dell’Esercito e 2 giornalisti), caduti a Nassiriya quindici anni fa, a seguito dell’attentato alla base italiana dei Carabinieri, ed in generale a tutte le vittime delle missioni di pace.

Una cerimonia semplice, ma di grande impatto emotivo con la deposizione di una corona di alloro al Monumento eretto nella Piazza che il Comune di Colleferro ha voluto intitolare a questi eroi, Piazza Nassiriya appunto.

Erano presenti il Sindaco di Colleferrro Pierluigi Sanna, l’Ass. Umberto Zeppa, il Cap. Ettore Pagnano – Comandante della locale Compagnia Carabinieri -, rappresentanti della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, il Comandante della Polizia Locale Antonella Pacella, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma presenti sul territorio, la Croce Rossa Italiana, il Prof. Antonio Sapone – Dirigente scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore di Via delle Scienze (Liceo Marconi) – e gli alunni delle classi III e V della Scuola Primaria “Carlo Urbani” accompagnati dall’insegnante prevalente Anna Rita Faccio e dall’insegnante di religione Andrea Sciuto. Presente anche la Fanfara dei Bersaglieri con la tromba del Presidente Mauro Conti a suonare il Silenzio.

L’istituzione del 12 Novembre, con voto unanime del Parlamento, quale Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace, rappresenta il riconoscimento del Paese nei confronti di coloro hanno onorato il nome dell’Italia e il nostro tricolore in tutto il mondo.

Ed è proprio ai valori della pace che si è ispirato il Sindaco Pierluigi Sanna nel suo intervento.
Dopo aver deposto la corona, salutato i bambini della “Carlo Urbani” e le Forze dell’Ordine rappresentate, il Sindaco si è rivolto in particolare ai Carabinieri ai quali ha rivolto un «saluto di stima e di affetto, ma soprattutto un saluto di speranza affinché il sacrificio dei Caduti di Nassiriya, ma in generale di tutti i caduti italiani nelle missioni all’estero, possa essere utile alla crescita del nostro popolo e della nostra comunità…» (di seguito in video l’intero intervento).

 

Prima della benedizione e della preghiera ai defunti, officiata da Don Ettore Capra, il parroco vicario della Parrocchia di S. Barbara, ha voluto soffermarsi sulle virtù cardinali, in particolare la Giustizia «verso la quale i nostri soldati ed i nostri Carabinieri hanno dato esempio di fedeltà in tempo di guerra ed in tempo di pace…» (nel video di seguito l’intervento completo).

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Top