Colleferro. Giornata di presentazione del Progetto Visit (Museum) Grand Tour rivolto ai docenti del territorio

COLLEFERRO (RM) – Si è tenuto nel pomeriggio di Giovedi 16 Marzo, presso la Sala A. Ripari di Colleferro, il primo incontro formativo del Progetto Visit (Museum) Grand tour, rivolto ai docenti del territorio per la presentazione dell’offerta didattica messa a disposizione dai musei e dagli istituti culturali dei Castelli Romani e Prenestini per “affiancare il programma educativo delle alunne e degli alunni di tutte le scuole, dall’infanzia fino alla maturità”.
Il Sistema promuove studi e ricerche per far conoscere il patrimonio collezionistico dei singoli musei, ma anche la ricchezza archeologica, storico-artistica, ambientale e culturale in genere, dell’intera area interessata.

L’inserimento recente del Museo Archeologico Comunale di Colleferro in questo collaudato Sistema Museale rappresenta un’importante occasione per il proseguimento del percorso di valorizzazione del patrimonio storico culturale di Colleferro e del territorio.

Ricordiamo i Comuni aderenti: Albano Laziale, Artena, Castel San Pietro Romano, Colleferro, Colonna, Gallicano del Lazio, Genazzano, Frascati, Lanuvio, Monte Porzio Catone, Palestrina, Rocca di Cave, Rocca di Papa, Rocca Priora, Valmontone e Zagarolo; la Diocesi di Palestrina con il Museo Diocesano Prenestino di Arte Sacra; la Fondazione per la Ferrovia Museo della Stazione di Colonna.

Sono intervenuti a questa prima giornata di presentazione: Damiano Pucci Presidente Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini, Ente Capofila del MuseumGrand Tour, Monica Di Gregorio-Museo di Palazzo Doria Pamphilj di Valmontone, Simona Soprano-Museo Diffuso del Vino, Angelo Luttazzi-Museo Archeologico del Territorio Toleriense di Colleferro e Maurizio Chirri-Museo Geopaleontologico A. Desio di Rocca di Cave, che hanno illustrato ampiamente le caratteristiche di un’aria caratterizzata da importanti testimonianze archeologiche e da un ricco patrimonio storico, artistico e naturalistico. Visitando i tanti musei che aderiscono al Sistema Museale territoriale gli studenti possono avere l’opportunità di ripercorrere antichi sentieri, avvicinarsi a tradizioni quasi del tutto perdute, visitare resti di antiche città, palazzi signorili,chiese e venire a contatto con realtà diverse.
Tanti e diversificati i percorsi didattici e le esperienze di laboratorio presentate dai vari relatori che gli studenti potranno vivere, secondo le tematiche dei vari musei che li contraddistinguono: scientifico-tecnologica, storico-artistica, etno-antropologica ed archeologica.

A fine presentazione, i tantissimi docenti intervenuti hanno potuto assistere ad alcune dimostrazioni di attività che si svolgono nei vari laboratori: la tecnica dell’affresco e la conoscenza e sperimentazione del colore utilizzati prima della diffusione dei coloranti sintetici, ripercorrere le tappe dell’evoluzione umana, scoprire come vivevano gli uomini del Medioevo, sperimentare il mestiere dell’archeologo, far scoprire ai ragazzi, attraverso le collezioni custodite nell’ambiente museale, una visione concreta delle vicende del passato, apprendere le modalità di recupero e conservazione della memoria orale dei territori, apprendere nozioni base su l’interno della terra ed avvicinarsi a concetti quali pericolosità e rischio sismico e prevenzione o assistere ad uno spettacolo del planetario per facilitare l’apprendimento sui principali temi dell’astronomia e della geografia astronomica.

Grande interesse dei docenti per questa breve, ma intensa full immersion alla scoperta dei tanti tesori che il nostro territorio può offrire.

Eledina Lorenzon

 

Potrebbero interessarti anche...

Top