Colleferro. Celebrato nel migliore dei modi il primo dei tre giorni dedicati alla Patrona Santa Barbara [Foto]

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (RM) – Una giornata ricca di eventi ha contraddistinto il 4 Dicembre, Festa della Patrona Santa Barbara a Colleferro.

Nel primo mattino è stata deposta, alla presenza del Sindaco Pierluigi Sanna, del Parroco Mons. Luciano Lepore, degli Assessori e Consiglieri, di Autorità politiche, civili, militari e religiose, una prima corona di alloro presso il locale cimitero in memoria dei caduti dello scoppio del ’38 che causò decine di morti. Una seconda corona è stata deposta presso il Sacrario in Corso Garibaldi.

Tanti i cittadini che vi hanno preso parte, in ricordo della tragedia più grave che il Comune ricordi. Nel suo intervento il Sindaco ha rimarcato il valore del sacrificio di quanti hanno perso la vita negli ambienti di lavoro e quanto i nostri padri, con il loro sacrificio e la loro passione, hanno reso grande la nostra città.
I partecipanti sono stati poi accompagnati in pullman all’interno dello Stabilimento Avio, sostando presso il cippo posto proprio nel punto dove si verificò il tragico evento.
La visita è quindi proseguita all’interno della Società dove, attraverso la proiezione di un filmato, è stato ricostruito il brillante percorso dell’azienda leader nel campo della propulsione e che proprio il 3 Dicembre ha effettuato con successo la sesta missione del lanciatore europeo Vega, e si avvia a concludere un anno eccezionale.

Durante la visita il Vicepresidente Pier Giuliano Lasagni, in rappresentanza dell’Amministratore Delegato Giulio Ranzo, unitamente al Sindaco ha inaugurato la nuova caserma interna dei Vigili del Fuoco, sottolineando come la sicurezza in ambito lavorativo sia senz’altro una delle priorità di Avio.
L’ing. Lasagni ha poi proseguito affermando che i successi raggiunti ed i programmi sviluppati «ci porteranno vent’anni di lavoro. La competitività non manca, questa è una Società di persone che hanno lo stimolo all’innovazione, al cambiamento e la dedizione al lavoro».

La sosta per una preghiera al cippo eretto all’interno della Simmel Difesa, in ricordo del lavoratore Roberto Pignalberi, deceduto nell’ottobre del 2007, dove l’Amministratore Delegato Michele Antonucci, nel suo intervento, ha ben evidenziato come Simmel sia l’azienda che più interpreta l’eredità “esplosivistica” della Bpd e come oggi essa sia all’avanguardia sulle condizioni di sicurezza del lavoro. Ha poi evidenziato come Simmel, dopo anni difficili, stia oggi respirando un’atmosfera nuova con maggiori prospettive per il futuro.

Alle ore 11 nella Chiesa di S. Barbara, gremita di cittadini, è stata celebrata, dal Vescovo Mons. Vincenzo Apicella con tutti i parroci locali, la Santa Messa. La visita, come di consuetudine, alla caserma dei Vigili del fuoco ha chiuso le manifestazioni della mattinata.

Non sono però mancate altre iniziative che hanno coinvolto anche i più piccoli con il Laboratorio per bambini, organizzato dal Centro per l’Infanzia “Lo Scarabocchio” in collaborazione con l’Ama – Associazione Mamme, presso la Galleria S. D’Acquisto. Muniti di tanti pastelli hanno colorato il “Murales 80” rappresentante la planimetria della Colleferro morandiana.

Emozionante è stato anche il lancio di centinaia di palloncini rossi e bianchi verso il cielo meravigliosamente azzurro di questa giornata di festa, da parte di tanti compagni per ricordare il giovane Lorenzo Caschera, scomparso prematuramente nell’agosto scorso.

Nel pomeriggio tante le iniziative a cura degli esercenti di attività commerciali rivolte ai cittadini che hanno animato le vie, rinnovando uno spirito di comunità e condivisione. Aperti i Rifugi di Via Roma con le visite guidate ed il Museo Marconiano con la Mostra di Modellismo.

La serata si è conclusa con l’attesa ed applaudita esibizione della Fanfara dei Bersaglieri di Colleferro, diretta dal Capo Fanfara Mauro Conti in collaborazione con il Colonnello A. Romani.

Eledina Lorenzon

 

Potrebbero interessarti anche...

Top