Colleferro. Aula Consiliare gremita di pubblico per la presentazione dell’ultimo libro di Simone Cristicchi [FotoeVideo]

Nola Estate 2019Nola Estate 2019

 

COLLEFERRO (RM) – Aula Consiliare del Comune di Colleferro gremita di pubblico nella giornata di Sabato 7 Gennaio per ascoltare Simone Cristicchi nella presentazione del suo primo romanzo dal titolo: “Il secondo figlio di Dio. Vita, morte e misteri di David Lazzaretti, l’ultimo eretico”, edito da Mondadori.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Culturale Gruppo Logos presieduta da Gillian Hassan.
Presenti in Aula il Sindaco Pierluigi Sanna, l’Ass. al Bilancio Rosaria Dibiase ed il Consigliere Agnese Rossi.

Volantino Marmorato Expert Colleferro – Un regalo a tutto volume - 11-24 Luglio 2019

Una presentazione che Simone Cristicchi ha saputo rendere emozionante e coinvolgente: “E io, David Lazzaretti, l’ho ammazzato. A al posto suo il 18 Agosto 1878, ai piedi del monte Labbro sono morto io” inizia così l’intervento dell’autore che si immedesima in Antonio Pellegrini, militare che sparò a David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”.

Lazzaretti resta un personaggio avvolto dal mistero, ancora oggi si cerca di approfondire il suo pensiero e la sua filosofia. Nato ad Arcidosso, paesino del comprensorio dell’Amiata che sorge su una collinetta circondato di boschi, David Lazzaretti fu l’ispiratore di un movimento religioso chiamato “giurisdavidico” e la sua vita fu caratterizzata da episodi misteriosi. Il suo intento era dare vita ad una chiesa che guardava molto avanti, appoggiato e protetto inizialmente da Papa Pio IX, fu in seguito giudicato eretico.
Figlio di un carrettiere, iniziò a predicare tra la sua gente che accorreva numerosa ad ascoltarlo: il suo sogno era una società più giusta, fondata sull’istruzione, la solidarietà e l’uguaglianza: una “Società delle Famiglie Cristiane”. Sul monte Labbro, dove egli teneva le sue prediche, furono costruiti un eremo, una torre ed una chiesa. Molti furono i suoi viaggi, soprattutto in Francia, dove era tenuto in grande considerazione per le sue idee che progettavano una società nuova, più solidale, etica e giusta.

“Una storia che se non te la raccontano, non la sai” dice Simone Cristicchi e per tanto tempo la polvere dell’oblio è caduta su questa vicenda, che ora torna prepotentemente alla ribalta con questo libro che dà risalto ad un uomo che aveva l’unico intento di unire fede e comunità, religione e giustizia sociale , che si rifaceva alle idee di Giordano Bruno nella convinzione che la divinità fosse qualcosa che stava nell’interiorità dell’uomo, non un’entità esterna.
Subì per questo un processo del Sant’Ufficio ed i suoi libri messi all’indice, ma egli continuò la sua missione proclamandosi il “Secondo Messia”.
Le vicende di David Lazzaretti sono “la storia di un’idea, la storia di un sogno”, e l’interesse e la curiosità intellettuale sull’avventura mistica del profeta dell’Amiata, non si sono spenti, né attenuati, anzi oggi sono quanto mai intensi.

Pubblico affascinato che ha ascoltato, con grande partecipazione ed attenzione, una vibrante presentazione ed applaudito, intensamente e con grande affetto , lo scrittore ed attore, tornato nella nostra cittadina dopo aver presentato, nell’Ottobre 2013, il libro “Mio nonno è morto in guerra”.
A fine incontro l’Autore ha incontrato e dialogato con il pubblico, autografando con dedica le copie del suo libro.

Simone Cristicchi, tra canzoni inedite e narrazione, sarà il narratore protagonista, al Teatro Vittoria di Roma dal 16 al 26 Febbraio, della parabola di David Lazzaretti, da figlio di carrettiere a predicatore eretico con migliaia di seguaci.

Eledina Lorenzon

 

Potrebbero interessarti anche...

Top