Colleferro. Approvazione del Bilancio in Consiglio Comunale. Aldo Girardi (Azione popolare): «Io sono rimasto. L’opposizione si è umiliata da sola…»

COLLEFERROIn occasione dell’approvazione del Bilancio, tutti i Consiglieri comunali di opposizione hanno abbandonato l’aula, tranne uno, Aldo Girardi di Azione Popolare: riceviamo e pubblichiamo le sue considerazioni conseguenti dell’accaduto.

«Io non so se sia più difficile governare e più facile fare opposizione, o se al contrario, sia più difficile fare opposizione e più facile governare, certo è che in entrambi i casi ci vorrebbe più rispetto per questa Istituzione e per quest’Aula, perché è da qui che passa il rispetto dovuto alla città e a coloro che ci hanno votato. E non solo a quelli.

Ve lo dice uno che proprio quest’Aula, in una occasione, non ha mancato di abbandonarla perché non apprezza e non condivide certi atteggiamenti che vogliono sminuire, e in alcuni casi sbeffeggiare o umiliare, il ruolo dell’opposizione.
Ma oggi l’opposizione si è umiliata da sola.

Io non conosco e non voglio conoscere i motivi, che certamente ci sono, per i quali oggi mi ritrovo qui da solo.
Il bilancio è l’atto politico per eccellenza dell’Amministrazione che può essere condiviso o meno, sul quale però tutti… dico tutti… debbono, ma a questo punto dico dovrebbero, metterci la faccia: maggioranza e minoranza, chi è favorevole e chi è contro.

Fino ad oggi mi sono sforzato, e continuerò a farlo, di capire il vostro modo di portare avanti questo Comune; poche volte ci sono riuscito, perché è chiaro che vediamo le cose in maniera diversa, ma questo è un bene.
Un bene per la città e per la democrazia, partecipata e dell’alternanza.

Io non tifo contro. Io tifo per Colleferro. Non condivido con voi su molte cose, ma se riuscirete a fare quello per il quale Colleferro vi ha votato….tanto di cappello.

Più di qualcuno mi dice: ma chi te lo fa fare? A volte me lo domando anche io, soprattutto quando mi ritrovo da solo su questi banchi vuoti, quando vedo quest’Aula vuota e ancor di più quando riscontro il vostro atteggiamento di chiusura, che ci sta, sia chiaro, ma che non deve essere a “prescindere” perché dal confronto aspro o duro che sia può derivare del bene, che non è personale ma è un bene per la città.

Confronto o contrapposizione aspra e dura si, ma per le idee…. non per le persone.

A questo credo di essermi ispirato fino ad oggi, e spero di esserci riuscito. In altri casi ho rilevato che ciò non è avvenuto.
Chiudo il mio intervento chiedendo scusa a quella parte della città che legittimamente non si riconosce nella vostra maggioranza e che magari, altrettanto legittimamente, non avrebbe voluto vedere da questa parte dei banchi solo il sottoscritto ad esprimere il proprio voto contrario».

F.to Aldo Girardi (Azione Popolare)

 

Potrebbero interessarti anche...

Top