Colleferro. Al Teatro Vittorio Veneto grande successo per i Laboratori Teatrali dell’Itis Canizzaro e dell’Iis di Via delle Scienze [Foto]

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (RM) – Anno scolastico ormai in dirittura d’arrivo per gli studenti che devono affrontare gli esami di 3a Media e di Maturità, mentre ormai archiviato per tutti gli altri ed in queste ultime settimane tanti sono stati i saggi che le scuole dell’infanzia, primarie, medie e superiori di Colleferro hanno allestito, dando testimonianza della preparazione e vivacità culturale delle nostre scuole.

Il Teatro Vittorio Veneto è diventato, come ama definirlo il nostro Sindaco, una piazza al chiuso dove esibirsi ed incontrarsi, aperto a tutte le scuole, realtà culturali e produzioni teatrali professioniste, per dare spazio all’emozione collettiva che solo lo spettacolo dal vivo sa regalare. Un teatro ed un palcoscenico dove il pubblico può vedere spettacoli o ascoltare musica di ogni genere.

Nella serata di Giovedi 5 Giugno è stato il Laboratorio Teatrale dell’Itis S. Canizzaro, a presentare “Il coraggio di sognare”, commedia in due atti di Alexi Di Cristofaro, ex studenti dell’Istituto che proprio lo scorso anno debuttò quale autore nella commedia “Favole al bar…..”.
Quest’anno il tema affrontato dal giovane autore è stato senza dubbio più complesso e riflessivo, toccando temi di grande impatto emotivo, senza però tralasciare quella sottile vena di comicità e di leggerezza.
La morte e l’angelo consolatore decidono di fare una scommessa su quale sia il valore dei sogni nella vita di ognuno… per la morte non servono certo a rendere migliore la vita, ma solo ad illudersi, per l’angelo sono invece la molla che spinge ogni essere ad impegnarsi per la loro realizzazione e per cui vale la pena di vivere e lottare. Intraprendono quindi un viaggio tra ambienti e vicende diverse dove tutto pare essere perduto e davvero i sogni e la speranza di realizzarli sembrano vane fatiche. La morte vince e l’angelo consolare si avvia al suo triste esilio, ma sulla terra senza sogni non c’è vita ed anche la morte deve rivedere le sue certezze ed ammettere che i sogni sono linfa vitale per ogni essere umano, ma soprattutto per i giovani che hanno nelle loro mani il futuro! I sogni, servono a migliorare la capacità di pensare ai problemi intellettuali ed emotivi che ci affliggono e possibilmente trovare soluzioni sensate.
Bravissimi i giovani attori, ben venticinque in scena, a tratti ancora incerti, ma che hanno saputo trasmettere la loro grande passione e tanta emozione. Il laboratorio dell’Itis Canizzaro è giunto al suo quindicesimo anno di attività, sempre sotto la guida di Maurizio Mosetti coadiuvato dalle professoresse Anna Falcone, Angela Patrizia Lunghi ed Elisabetta Pinchera.
Presenti in sala erano il Dirigente Scolastico Alberto Rocchi, il Sindaco Pierluigi Sanna, il Consigliere Agnese Rossi e tantissimo pubblico che ha lungamente applaudito tutto il cast.

Venerdì 6 Giugno protagonista è stato il Laboratorio Teatrale Ludus dell’Istituto di Istruzione Superiore di Via delle Scienze, al suo terzo anno di attività, che ha presentato uno spettacolo ideato, scritto ed interpretato dagli studenti dal titolo “Crediamo di intenderci (non ci intendiamo mai)”, uno spaccato sulla difficoltà dei giovani d’oggi, ma non solo, a comunicare, troppo spesso persi nel linguaggio dei social network.
Tanti i momenti scenici che hanno contraddistinto lo spettacolo, da Plauto e la commedia della pentola ad un fantastico Giacomo Leopardi alle prese con il mondo di Facebook e dei suoi like, a “la coscienza di Luca”, dove il “più bello” della scuola si accorge della sua vuota esistenza, troppo incentrata su se stesso e poco disponibile verso gli altri e decide che è ora di cambiare, a “la follia della verità”, dove chi troppo spesso viene ridicolizzato in classe, spesso riesce ad imporsi nella vita per l’intensità con la quale si applica per raggiungere il successo.
In fondo nell’era della comunicazione, sempre più spesso è l’incomunicabilità che caratterizza il nostro vivere, poiché “parliamo agli altri, ma quasi mai con gli altri” .
Presenti in sala erano il Dirigente scolastico Antonio Sapone, il Sindaco Pierluigi Sanna, l’Assessore Sara Zangrilli, il Consigliere Luigi Moratti e anche in questa occasione tantissimo pubblico ad applaudire i bravissimi studenti che si sono cimentati sia in qualità di autori che di attori, coadiuvati per la sceneggiatura e recitazione dai proff. Mario Saccucci, Liliana Zaghi, Ugo Giambelluca e Massimo Giorgi, collaborazioni esterne Diego Colaiori (preparazione attori, Cristiano Ciani (scenografia), entrambi ex studenti.

Due spettacoli veramente interessanti che hanno dimostrato grande impegno degli studenti, passione, fantasia e soprattutto voglia di mettersi alla prova con temi sicuramente non facili, ma che hanno saputo far divertire il pubblico e lanciare un messaggio di speranza, condividendo un grande lavoro dove la socializzazione, solidarietà e collaborazione sono state le basi da cui partire.

Complimenti a tutti e arrivederci al prossimo anno!

Eledina Lorenzon

Potrebbero interessarti anche...

Top