“A cena dal Cardinale” per… pregustare gli eventi dell’Estate 2014 di Carpineto Romano fino al XXII “Pallio della Carriera”

Nola FerramentaNola Ferramenta

 

CARPINETO ROMANO (RM) – Il ricco ed interessantissimo palinsesto delle manifestazioni che animeranno l’estate 2014 di Carpineto Romano, ancora una volta, è stato brillantemente introdotto “A cena dal Cardinale”…

Si tratta della rievocazione enogastronomica, rigorosamente basata su approfondite ricerche storiche, di una sontuosa cena svoltasi in un periodo storico risalente agli inizi del XVII Secolo.
Il tema di quest’anno era “La Razzeccata dalle antique terre dei Cardinali Commendatari”…

L’ambientazione è quella originale: il grazioso Chiostro secentesco del Convento attiguo alla Chiesa di San Pietro, fortemente voluto nel 1610 dal Cardinale Pietro Aldobrandini e dedicato, non a caso, a S. Pietro Apostolo.
Uno dei segni più evidenti del fatto che tale struttura fu affidata alle cure e all’uso di Francescani “Zoccolanti” sono le 28 lunette che circondano, nella parte alta, il Chiostro del convento, affrescate sul finire del XVII Secolo da Francesco Serbucci di Tivoli, e raffiguranti i momenti salienti della vita di San Francesco.

Pubblicità su Cronachecittadine.itPubblicità su Cronachecittadine.it

Quel luogo, che fu uno “studio generale” di filosofia e scienze di grande fama, giovedì sera ha rappresentato la preziosa cornice per una rievocazione enogastronomica che ha tutta la capacità, ogni volta, di far rivivere la medesima atmosfera che caratterizzava, proprio nel Chiostro, le serate nelle quali il Cardinale Aldobrandini amava ricevere gli invitati.

 

La figura centrale della rievocazione è proprio il Cardinale Pietro Aldobrandini (1571-1621), nipote di Papa Clemente VIII (Ippolito Aldobrandini), il quale – accompagnato dai suoi dignitari, dalla sorella Donna Olimpia e dal cognato Gian Francesco Aldobrandini nonché da un manipolo di “maschere” scelte nel più nutrito treno storico che sfilerà il 24 Agosto (tutti rigorosamente abbigliati con costumi fedeli agli originali) – fa il suo ingresso nel chiostro sfilando tra gli invitati fino a raggiungere il tavolo a lui riservato dando il via al convivio, gustoso frutto del “Servitio di cucina sotto l’amabil rito di Scalchi, Cuoche et Trincianti”…

Le musiche originali del ’600, lo sventolio dei vessilli degli sbandieratori ed i musici dei sette rioni storici di Carpineto Romano, armati di tamburi e chiarine, hanno completato la “spessa” cornice nella quale resta incastonato lo splendido “frugale convivium”, trionfo enogastronomico barocco, frutto della ricerca delle antiche tradizioni culinarie condotta dall’Ente Pallio della Carriera, e magistralmente curato dagli scalchi e dai cuochi del Rione “Jo Curso” (vincitore del Pallio dello scorso anno).

Il tutto era stato introdotto precedentemente nel corso di un incontro, nella chiesa attigua al chiostro, nel quale il Sindaco Matteo Battisti, l’Assessore alle Politiche Culturali Noemi Campagna e lo storico Italo Campagna hanno illustrato agli intervenuti lo spirito e le peculiarità dell’iniziativa, fornendo alcuni cenni storici sulla città nonché le informazioni relative alle principali manifestazioni inserite nell’Estate 2014 di Carpineto Romano.

Tra gli intervenuti, diverse personalità del mondo della politica, dell’economia e dell’informazione del territorio.

Qui il programma completo degli appuntamenti di Luglio ed Agosto 2014 •>

 

Potrebbero interessarti anche...

Top