Castel Gandolfo. In trasferta da Napoli si fa consegnare 10mila euro tra contanti e gioielli da una 86enne. 30enne arrestato dai Carabinieri

Nola FerramentaNola Ferramenta

CASTEL GANDOLFO – Dalle prime ore del mattino, a Napoli, i Carabinieri della Compagnia di Castel Gandolfo stanno eseguendo un’ordinanza che dispone la misura cautelare del carcere – emessa dal Gip del Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica – nei confronti di un 30enne, con precedenti per reati analoghi, gravemente indiziato di truffa aggravata in danno di una vedova di 86 anni.

Il 24 Maggio scorso, una pattuglia di Carabinieri della Stazione di Castel Gandolfo, nel transitare per le strade cittadine, veniva fermata dall’anziana donna che chiedeva aiuto per essere stata, poco prima, vittima di una truffa.

La signora denunciava che prima era stata contattata telefonicamente da un giovane che le diceva di essere suo nipote, incorso in un incidente stradale e di avere bisogno di 6mila euro per pagare una contravvenzione e che, di lì a poco, sarebbe passato un corriere postale a ritirare la somma necessaria alla sua liberazione.
Cosa che effettivamente accadeva poco dopo: la donna consegnava all’uomo, presentatosi presso la sua abitazione, risparmi racimolati dalla sua pensione di 640 euro e questi, riferendole che non erano abbastanza, prelevava dalla sua cassaforte orologi e gioielli nonché si faceva consegnare dalla donna una catenina che aveva al collo e la sua fede nuziale, ricordo del defunto marito, successivamente dileguandosi.

Circa 10mila euro il valore dei gioielli prelevati.

I Carabinieri della Stazione e del Nucleo Operativo della Compagnia di Castel Gandolfo, attraverso la visione di filmati di sistemi di videosorveglianza, risalivano alla targa di un’autovettura, presa a noleggio a Napoli nonché repertavano sulla cassaforte alcune impronte digitali, che corrispondevano a quelle del giovane, riconosciuto altresì dalla vittima mediante individuazione fotografica.

I Carabinieri ricostruivano che l’uomo, con precedenti per truffe in danno di anziani e pertanto già sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G., dopo aver apposto la firma presso una caserma di Napoli, si immetteva in autostrada per raggiungere la provincia di Roma dove è gravemente indiziato di aver commesso la truffa.

L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale.

Comunicato pubblicato ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca costituzionalmente garantito e nel rispetto dei diritti della/e persona/e indagata/e (la/le quale/i, in considerazione dell’attuale fase di indagini preliminari, è/sono da presumersi innocente/i fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza).

 

TRUFFE AGLI ANZIANI – I CARABINIERI INCONTRANO I CITTADINI PER FORNIRE UTILI CONSIGLI PER EVITARLE

Le truffe, e in particolar modo quelle in danno degli anziani, rappresentano un atto vile e spregevole perché per questi soggetti deboli, spesso soli, i danni sono non solo di natura economica ma anche emotiva, con gravi effetti sulla loro vita sociale e anche sulla salute.

L’attenzione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma è molto alta verso tale fenomeno, testimoniata dall’arresto di decine di truffatori negli ultimi mesi.
Sul fronte della prevenzione l’Arma dei Carabinieri, su tutto il territorio nazionale, mette in campo numerose iniziative con campagne di informazione per venire incontro alla popolazione e sensibilizzare tutti sulla tematica delle truffe agli anziani. Nella Capitale e nella Provincia, nello specifico, a cura dei comandanti territoriali di zona, vengono svolti incontri in tutti i luoghi di aggregazione e di ritrovo degli anziani, quali associazioni, circoli, parrocchie e altro. Un’azione diffusa e mirata, una serie di iniziative per la prevenzione di reati molto insidiosi, anzitutto furti e truffe.

I Carabinieri illustrano le principali tecniche e i raggiri usati dai malfattori per entrare nelle case, spiegando come poter fronteggiare i rischi e quale comportamento assumere in caso di situazioni sospette, distribuendo a tal proposito un volantino informativo.

L’Arma dei Carabinieri raccomanda il massimo dialogo in famiglia tra giovani e anziani per favorire una reale sensibilizzazione preventiva, che può essere potenziata proprio dallo scambio domestico sul tema.

Anche sul sito internet istituzionale dell’Arma dei Carabinieri è possibile trovare consigli utili per cercare di evitare di rimanere vittime di tali reati:

http://www.carabinieri.it/in-vostro-aiuto/consigli/Cose-di-tutti-i-giorni/contro-le-truffe/truffe-agli-anziani