Cassino. Operazione “I Parpacci” dei Carabinieri contro il traffico di sostanze stupefacenti. In arresto 7 persone, 5 in carcere e 2 ai domiciliari

Nola Ferramenta UtensileriaNola Ferramenta Utensileria

CASSINO – Con l’operazione convenzionalmente denominata “I Parpacci”, i Carabinieri della Compagnia di Cassino, nella mattinata odierna, hanno eseguito sette ordinanze di custodia cautelare in carcere ed ai domiciliari, emesse dal Gip del Tribunale di Cassino, nei confronti di altrettante persone accusate a vario titolo ed in concorso tra loro di un radicato ed esteso traffico di sostanze stupefacenti, prevalentemente del tipo eroina.

Gli arrestati

Le persone sottoposte a custodia cautelare sono:

  • Daniele Barroso, soprannominato “Lo Spagnolo”, nato a La Chaux De Fonds (Svizzera) il 19.12.1973, residente in Sant’Andrea del Garigliano (Fr), Via Casarinelli n. 21, associato al carcere di Orvieto (Tr);
  • Massimiliano Lutrario, soprannominato “Attila”, nato a Cassino (Fr) il 15.07.1976, residente in San Giorgio a Liri (Fr) via Campo di Mola nr.6, associato al carcere di Cassino (Fr);
  • Luca Rafeli, nato a Cassino (Fr) il 19.02.1982, residente in Sant’Ambrogio sul Garigliano (Fr) via San Rocco n. 77, associato al carcere di Cassino (Fr);
  • Vincenzo Grossi, nato a Cassino (Fr) il 08.09.1985, residente in Sant’Andrea del Garigliano (Fr) via Filettole n.66, associato al carcere di Cassino (Fr);
  • Adriana D’Arpino, nata a Cassino il 02.10.1990, residente in Sant’Andrea del Garigliano (Fr) via Dott. D. Fargnoli, associata al carcere di Roma Rebibbia Sezione Femminile;
  • Sergio Simeone, nato a Sant’Andrea del Garigliano (Fr) il 15.09.1963, ivi residente, via Roma n.60, sottoposto agli arresti domiciliari;
  • Gianpiero Viscò, nato a Cassino (Fr) il 10.06.1983, residente in Sant’Andrea del Garigliano Corso della Repubblica n.26, sottoposto agli arresti domiciliari,

tutti censiti per reati contro la persona e/o sugli stupefacenti.

Le indagini

L’indagine trae input dalla forza di disperazione dei genitori di una delle tante “vittime” dell’eroina, i quali, pur di tutelare il proprio congiunto, non hanno esitato a mettere per iscritto fatti dei quali erano venuti a conoscenza riguardanti soggetti dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona della cosiddetta Valle dei Santi. In tale contesto emergeva in maniera preponderante la figura di Barroso Daniele, detto “lo spagnolo”, quale gestore di una fiorente “piazza” di spaccio di stanza nel piccolo centro di Sant’Andrea del Garigliano (Fr).

Il personale della Sezione Operativa del Nucleo Operativo Radiomobile del Comando Compagnia Carabinieri di Cassino, in collaborazione con la Stazione Carabinieri di Sant’Apollinare, al fine di riscontrare quanto sostenuto dalla citata coppia, nel mese di febbraio 2018, nonostante la morfologia del territorio non favorevole per attuare idonei servizi di osservazione senza essere scrutati, riusciva ugualmente ad effettuare alcune attività di osservazione, controllo e pedinamento nei pressi dell’abitazione del Barroso, attraverso le quali fu possibile:
· notare un via vai di veicoli, con a bordo anche soggetti già noti quali assuntori di sostanze stupefacenti e dimoranti anche in zone lontane dal piccolo centro di Sant’Andrea del Garigliano, che si recavano presso la citata abitazione per poi allontanarsi dopo una breve sosta;
· riscontrare il fine di tale andirivieni di veicoli e persone, ovvero quello di acquistare sostanze stupefacenti in tale luogo. Infatti, a seguito di pedinamenti con conseguenti controlli e perquisizioni, operati su alcuni veicoli e relativi occupanti notati arrivare e poi allontanarsi dall’obiettivo monitorato, si rinveniva sostanza stupefacente del tipo eroina.

Sulla base degli elementi raccolti, a far data dal 12.03.2018, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Cassino, venne posta in essere un’attività tecnica.
Tale attività di captazione, peraltro durata poco tempo a causa di imprevisti giudiziari nei quali incorsero parte degli indagati (arresto di Massimiliano Lutrario, Luca Rafeli e Daniele Barroso nell’ambito di altri procedimenti penali), suffragata da ulteriori intercettazioni ambientali e soprattutto da servizi di osservazione, controllo e pedinamento, sequestri sia amministrativi che penali e da numerose dichiarazioni testimoniali acquisite, permetteva ugualmente di certificare in maniera definitiva che DanieleBarroso gestiva un cospicuo traffico di sostanze stupefacenti, prevalentemente del tipo eroina, che acquistava sul litorale Domizio da un cittadino straniero non meglio identificato, dimorante in Castel Volturno (Ce), per poi commercializzarle in Sant’Andrea del Garigliano e zone limitrofe, adibendo a “base di spaccio” la propria abitazione ed avvalendosi della collaborazione stabile di Massimiliano Lutrario, Luca Rafeli, Vincenzo Grossi, Adriana D’Arpino (convivente del Barroso).

Nel corso dell’indagine affiorava in maniera nitida la scaltrezza delinquenziale dei predetti, mirata ad eludere eventuali attività investigative attuate a loro carico ed a garantire il prosieguo indisturbato della loro attività illecita, infatti:

  • la base di spaccio era stata individuata presso l’abitazione del Barroso, la cui posizione, sita in zona isolata e predominante la sottostante vallata con la relativa unica via di accesso, costituiva un valido sistema di difesa passiva naturale, in quanto consentiva loro di avere il tempo necessario per occultare le sostanze stupefacenti illegalmente detenute allorquando notavano l’arrivo di Forze di Polizia che ivi si stavano recando;
  • tale sito era stato dotato di ulteriore “schermo protettivo”, in quanto erano state installate idonee telecamere esterne che permettevano di osservare in anticipo l’eventuale arrivo di Forze di Polizia;
  • i clienti erano stati opportunatamente indottrinati sul fatto che ogni qualvolta avevano bisogno di sostanze stupefacenti dovevano recarsi presso l’abitazione del Barroso senza alcun preavviso telefonico, in quanto in loco avrebbero trovato sempre qualcuno pronto a cedere loro la droga;
  • cercavano di limitare al massimo l’utilizzo di comunicazioni telefoniche pertinenti la gestione dell’illecita attività, prediligendo il ricorso a social network, quali WhatsApp e/o Facebook, proprio per timore di essere intercettati;
  • con il fornitore intrattenevano solo rapporti di persona. Non a caso non si registravano conversazioni tra loro sebbene parte degli indagati si recavano spesso in tale località utilizzando veicoli di proprietà del Barroso Daniele, fatta eccezione per due comunicazioni intercorse dopo l’arresto di quest’ultimo (10.04.2018, a seguito di aggravio della misura della detenzione domiciliare);
  • incutevano timore ai clienti, sfruttando il loro carattere e la personalità violenta, al fine di evitare che questi potessero riferire del loro traffico illecito;
  • gli stessi non esitavano ad assumere atteggiamenti di sfida e minacciosi nei confronti di rappresentanti delle Forze dell’Ordine, al fine di incutere in loro timore per farli desistere da eseguire controlli che potessero ostacolare o rivelare l’attività criminale.

L’attività investigativa permetteva altresì di evidenziare le responsabilità nell’attività di spaccio di altri soggetti legati in qualche modo al gruppo capeggiato dal Barroso, ovvero di:

  • Sergio Simeone, il quale, oltre a coadiuvare Barroso in alcune fasi di approvvigionamento delle sostanze stupefacenti, risultava dedito allo spaccio anche di altri tipi di sostanze stupefacenti;
  • Gianpiero Viscò, il quale oltre al consumo di eroina, provvedeva alla cessione di piccoli quantitativi di tale sostanza stupefacente, reperita sia dal Barroso sia da cittadini stranieri, non meglio identificati, dimoranti sul litorale Domizio.

L’attività investigativa, durata circa due mesi, permetteva di arrestare in flagranza di reato uno degli indagati, denunciare in stato di libertà altre persone per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, segnalare alla Prefettura di Frosinone vari assuntori di eroina e di sottoporre a sequestro circa 30 grammi di eroina, 5 grammi di hashish, vari bilancini di precisione, sostanze da taglio e materiale per confezionamento.

Ulteriori riscontri probatori venivano acquisiti dalle testimonianze rese dai numerosi clienti identificati ed escussi che evidenziavano in maniera palese, non solo la responsabilità nell’attività di spaccio di tutti gli indagati, ma anche il loro modus-operandi e soprattutto la retroattività di tale condotta illecita, sicuramente svolta già dal 2016.
Durante l’esecuzione delle catture, a seguito di perquisizione personale, Massimiliano Lutrario occultava in bocca una dose di 0,2 grammi circa di cocaina e una di 0,05 grammi di eroina.
Per tale ragione veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio.

I sequestri

1. in data 21.02.2018, sequestro amministrativo di una siringa contenente liquido nel quale era stato disciolta una dose di eroina pari a 0,200 grammi, operato a carico di un cliente assuntore subito dopo che questi l’aveva acquistata presso l’abitazione dell’indagato Daniele Barroso:

2. in data 01.03.2018, sequestro penale di un involucro a forma ovale, completamente avvolto da nastro isolante di colore nero, contenente sostanza stupefacente del tipo eroina del peso lordo di grammi 13,500, operato a carico di un cliente spacciatore subito dopo che questi l’aveva acquistata presso l’abitazione dell’indagato Daniele Barroso;

3. in data 15.03.2018, sequestro amministrativo di una dose di eroina – pari a grammi 0,200 – racchiusa in un involucro di cellophane trasparente chiuso con nastro adesivo di colore nero, operato a carico di una cliente subito dopo che questa l’aveva acquistata  presso l’abitazione di Daniele Barroso;

4. in data 23.03.2018, sequestro penale 13,23 grammi di eroina, racchiusa in un involucro a forma ovale, completamente avvolto con nastro isolante di colore nero, operato a carico dell’indagato Massimiliano Lutrario;

5. in data 03.05.2018, sequestro penale di 5,5 grammi di hashish – suddivisi in più pezzi – e una dose di cocaina pari a circa 1 grammo, oltre ad altro materiale utile per la pesatura e il confezionamento delle citate sostanze stupefacenti, operato a carico dell’indagato Sergio Simeone a seguito di perquisizione personale e locale.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top