58enne sequestrato e rapinato. Tutto è accaduto tra Roma, Lariano, Artena e Valmontone. Arrestati 4 romeni [FOTO]

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO (RM) – Dopo una settimana di contatti tramite internet e via cellulare, un 58enne romano si decideva a rompere gli indugi e ad incontrare finalmente l’avvenente romena per un flirt che si prospettava di estremo interesse… Si recava a casa di lei ma sul più bello… Veniva legato ad una sedia, minacciato, percosso, rapinato e ributtato in strada… tre ore dopo…

E’ accaduto a M.G., 58enne romano separato, il quale, dopo un primo approccio via internet, ha approfondito la conoscenza via telefono con T.A.R., avvenente 37enne romena, residente a Lariano. Dopo una serie di contatti telefonici, ieri sera, intorno alle ore 19,30, mentre l’uomo era sul posto di lavoro, si è sentito al telefono con la romena ricevendo da quest’ultima un interessante appuntamento per un “dopolavoro” piccante.

Intorno alle 22,30 il 58enne raggiungeva l’abitazione di lei, sita in Via Roma a Lariano, a bordo della propria VW Passat e con una bella bottiglia di vino per… festeggiare l’evento. Raggiunto il luogo approssimativo dell’appuntamento individua la romena che lo stava aspettando e parcheggia l’auto. Una volta fuori dall’auto, i due si presentavano de visu per la prima volta e, dopo i convenevoli, la donna lo invitava ad entrare in casa.

Mentre erano intenti a sorseggiare il vino qualcuno bussava alla porta. Era G.E.M., un’altra bella ragazza romena di 26 anni la quale chiedeva, ed otteneva, ospitalità per la notte. I tre si trasferivano al piano superiore dove erano le stanze da letto. Mentre la più giovane si metteva in disparte, la padrona di casa, temporaneamente assentatasi, ricompariva in slip e reggiseno, senza lasciare alla fantasia le proprie intenzioni,invitando l’uomo a fare altrettanto. Partivano così le prime effusioni finché lo spegnimento della luce consentì ai due di raggiungere una maggiore intimità…

Anejo - Agostino BalziAnejo - Agostino Balzi

Pochi secondi e nella stanza irrompevano due ragazzi, G.G.A. di 28 anni e C.R.D. 23enne anch’essi romeni.
Partiva la sceneggiata del marito tradito che trova la moglie a letto con un altro uomo. Schiaffi, pugni e minacce… Legavano il malcapitato alla sedia con una cinta
e minacciandolo gli sottraevano il portafogli nel quale trovavano una carta di credito ed un post-it con una serie di cifre molto simili a quello che poteva essere un codice pin. Mentre i due continuavano con le minacce nei confronti dell’uomo, le donne tentavano di prelevare il contante dagli sportelli bancomat di Poste Italiane e Banca Unicredit.
Sfortunatamente quei numeri non erano il pin della carta, e la stessa vittima non ne conosceva il codice, non avendola mai utilizzata per prelievi di contante.

A quel punto i quattro romeni cercavano di prendere tutto quanto era possibile: il portafogli, con 120 euro in contanti, due telefoni cellulari, dei quali rendevano al proprietario le sim, e poi anche un bracciale d’oro, un orologio Seiko, il telepass ed il navigatore trasportabile dell’auto… Finita la razzia buttavano l’uomo fuori di casa minacciandolo se avesse intrapreso iniziative contro di loro.

Era circa l’1,30 quando, spaventato e stordito, il 58enne risaliva a bordo della sua auto e si avviava a prendere l’autostrada al Casello di Valmontone. E proprio sulla SP600Dir Ariana, tra Artena e Valmontone, incrociava una Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Colleferro di pattuglia sul territorio.
Gli agenti, diretti dal Vice Questore Aggiunto dr. Antonio Giordano, entravano immediatamente in azione, ed unitamente ad altri due equipaggi del Reparto Volanti di Roma ed all’Ispettore Uepi prontamente intervenuto sul posto, davano luogo alla perquisizione locale e personale che consentiva di rinvenire tutti gli oggetti rubati e, stante la flagranza di reato i quattro cittadini romeni venivano tratti in arresto per sequestro di persona e rapina aggravata in concorso tra loro ed associati, le donne presso il carcere di Rebibbia, gli uomini presso la casa circondariale di Velletri a disposizione dell’Autorità Giudiziaria…

 Giulio Iannone

 

Potrebbero interessarti anche...

Top