«Esserci sempre»: l’impegno della Polizia di Stato per il 2014 espresso dal Prefetto Alessandro Pansa

Nola FerramentaNola Ferramenta
Il Capo della Polizia Alessandro Pansa in visita alla Questura di Roma
Il Capo della Polizia Alessandro Pansa in visita alla Questura di Roma


ROMA
– Siamo entrati nel nuovo anno e gli impegni della Polizia di Stato per il 2014 sono stati già delineati dal capo della Polizia Alessandro Pansa nel suo editoriale sulla rivista Poliziamoderna (click sulla foto in pagina •>).

Editoriale del Prefetto Alessandro Pansa
Editoriale del Prefetto Alessandro Pansa

«Ci saremo quando ci sarà da prevenire ogni forma vecchia e nuova di crimine e quando invece bisognerà affrontarlo e sconfiggerlo. Quando ci sarà da garantire la libera manifestazione del pensiero di ognuno e allo stesso tempo la sicurezza dei cittadini e dei loro beni».
È uno dei passaggi che fanno capire il tenore della responsabilità che ogni anno si rinnova nei confronti dei cittadini.
Non meno impegnativo è anche l’onere preso per il nuovo anno con gli uomini e le donne della Polizia: il riassetto ordinamentale, una migliore formazione e l’innovazione tecnologica.
L’ultimo giorno dell’anno, il prefetto Alessandro Pansa, proprio per stare vicino ai suoi poliziotti soprattutto a quelli che in questa occasione di festa sono stati in servizio, a mezzanotte si è recato in Questura a Roma.
Un modo, questo, per il capo della Polizia di rivolgere simbolicamente i suoi auguri a tutti gli agenti e di ringraziarli per l’impegno e il lavoro che svolgono.
Nell’editoriale il prefetto Pansa ha espresso «Con sincera commozione un particolare omaggio a tutte le vittime e a tutti i feriti della Polizia di Stato e ai loro familiari. Essi onorano la nostra divisa e l’intero Paese» e ha ringraziato «Tutti i poliziotti che per il bene della comunità nazionale e per mantenere alto l’onore del Corpo affrontano ogni giorno grandi rischi e grandi sacrifici che coinvolgono anche i loro cari».