Colleferro. All’età di 87 anni ci ha lasciato Felice Lozzi (Felicetto), grande amico e collaboratore della nostra testata

Nola FerramentaNola Ferramenta

COLLEFERRO – Si è spento nelle prime ore della mattinata di oggi, 26 Ottobre, nella sua abitazione, il nostro carissimo amico e grande collaboratore Felice (Felicetto) Lozzi.

Felicetto Lozzi era forse uno degli ultimi testimoni viventi rimasto della vera storia di Colleferro, ultimo baluardo della narrazione delle tradizioni di una comunità nata, sviluppatasi e cresciuta a ridosso delle due Guerre Mondiali.
La sua grande umanità lo ha sempre contraddistinto tra i Colleferrini che lo hanno sempre additato come colui che sapeva vedere ben oltre le normali apparenze della vita quotidiana.

Nativo di Arcinazzo Romano (Ponza), figlio del fattore del principe Doria, si trasferì in quel di Colledoro ancor prima della nascita ufficiale del comune di Colleferro per seguire la volontà paterna.

Fu in questa località che Felicetto crebbe e iniziò, fin da giovanissimo, a tuffarsi nelle varie esperienze sociali e culturali del territorio.
Iniziò ad occuparsi di attività politica, sindacale e socio-culturale rimanendo sempre ben ancorato alle problematiche colleferrine impegnandosi con grande determinazione ed insolito vigore a difesa delle attività produttive e del commercio locale.
Fu più volte consigliere comunale, militando nella fila dell’allora Msi, e ricoprendo svariate cariche pubbliche locali e provinciali tra cui quella di presidente di associazioni di categoria.

Grandissimo appassionato di storia locale e fine conoscitore delle tante realtà che hanno caratterizzato la continua crescita sociale ed economica della città in pieno boom e sviluppo delle industrie locali.
Particolarmente attivo nel settore sportivo aveva decisamente contribuito nello sviluppo e nella fondazione di sodalizi quali quello rugbystico e del tennis tavolo di cui per anni è stato presidente. È stato anche membro del locale Rotary Club.

È proprio nel campo imprenditoriale (settore assicurativo), poi, che Felice Lozzi si è maggiormente adoperato dirigendo un’attività complessa operante con successo e prestigio su un vastissimo territorio. Da diversi lustri aveva iniziato a collaborare con Cronache Cittadine e a sfornare preziosi articoli e servizi riguardanti le località colleferrine di Colledoro, Piombinara e dello Scalo non tralasciando riferimenti ai paesi vicini quali Segni, Paliano, Artena, Valmontone, Montelanico, Gorga, Gavignano ed Anagni.

Uno storico appassionato e di razza che ha sempre narrato con precisione, coraggio, competenza e verità vicende e soprattutto personaggi cogliendone le mille sfaccettature.

Molto apprezzata e seguita è stata per anni la sua rubrica sul nostro giornale “Come eravamo”.
Scrittore dalla fervida penna, Felicetto ha conservato con grande meticolosità il materiale fotografico e “aneddotico” di tante famiglie locali e non solo, portandolo a realizzare e pubblicare, con grandissimo successo, diversi volumi dedicati a Colledoro e Colleferro con particolare attenzione rivolta alla politica locale e alle molteplici attività svolte negli anni dall’Ente locale.

Tra le sue grandi doti ricordiamo quella naturale di affibbiare soprannomi e nomignoli a tanti suoi paesani senza mai incappare in cattiverie, malignità o volgarità.

Oggi Colleferro perde una delle figure più rappresentative della vecchia tradizione locale, forse l’ultimo depositario di quella colleferrinità che ha saputo scrutare la vera anima di tante generazioni.

Felicetto ci ha lasciati provocando in noi un sincero sentimento di dolore e costernazione.
Alla sempre fedele e gentile consorte Signora Adriana, per una vita intera sempre al suo fianco e sempre unita a lui nelle gioie e nei dolori (da ultimo la prematura scomparsa dell’adorato figlio Junio Alessandro), al figlio Fabio Massimo, ai familiari e parenti tutti, giungano le più sentite condoglianze da parte del nostro Direttore Responsabile Gianluca Cardillo, del Direttore Editoriale Giulio Iannone e della Redazione tutta di Cronache Cittadine.

Addio Felicetto…ci mancherai sempre!

I funerali si terranno domani, Martedì 27 Ottobre alle ore 10 presso la Chiesa di Santa Barbara.

 

Potrebbero interessarti anche...

Top