Rieti. Quattro scosse di terremoto ieri sera nel distretto sismico dei Monti Reatini

Nola FerramentaNola Ferramenta


map_loc_t-300RIETI
– Una serie di terremoti hanno scosso il distretto sismico dei Monti Reatini nella fascia oraria dalle 21,15 alle 22,15 di ieri sera, 30 Novembre 2013.
Sono state ben quattro le scosse significative registrate dai sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nell’area dei Monti Reatini che comprende, nel raggio di 10 Km, i Comuni di Accumoli, Amatrice e Cittareale.
Il primo, di magnitudo 3.9, è stato registrato alle ore 21:13 ad una profondità di 11.4 km.
Il secondo 2 minuti dopo, alle ore 21:15, di magnitudo 3 ad una profondità di 13.7 km.
Il terzo alle 21:49 ha fatto registrare una magnitudo 2.1 ad una profondità di 12.4 km.
Il quarto è stato registrato alle ore 22:09 con una magnitudo 2 ad una profondità di 12.1 km.

Siamo in quella lingua del Lazio che si protende verso l’Adriatico in un’area da molti denominata dei “tre confini”, dove infatti Il Lazio, non consentendo ad Abruzzo ed Umbria di avere confini in comune, raggiunge le Marche all’altezza del territorio provinciale di Ascoli Piceno.

Come si evince dalla cartina in pagina (terza foto dello slider in alto), la zona è stata classificata “ad alto rischio sismico” (Zona 1) e – non pubblicate in chiaro, perché al di sotto del valore di magnitudo 2 – in quella stessa fascia oraria, ma anche nel corso del resto della notte, sono state registrate altre scosse di entità inferiore a magnitudo 2.
Non sono stati registrati danni rilevanti a persone o cose anche se il sisma è stato avvertito chiaramente dalle comunità residenti nell’area interessata.