Colleferro. In occasione della Festa della Befana apertura straordinaria dei Rifugi antiaerei della 2^ Guerra Mondiale di Via Roma

Nola Ferramenta Natale 2019Nola Ferramenta Natale 2019

COLLEFERRO (Eledina Lorenzon) – Grazie ai volontari-accompagnatori ed al Comitato dello storico Quartiere di Piazza Mazzini, in occasione della Festa della Befana è stata programmata un’apertura straordinaria dei Rifugi di Via Roma a Colleferro.

I Rifugi antiaerei «rappresentano un patrimonio fondamentale per la città e per il territorio, ricchezza peculiare di una comunità lanciata verso il mondo che non rinuncia mai a questa sua antica vocazione», come ha scritto il Sindaco Pierluigi Sanna nella prefazione alla guida turistico-culturale, pubblicata a cura di Renzo Rossi e Paolo Cutini.

Per quanti ci leggono e non conoscono la storia dei Rifugi riassumiamo in breve: «quelli che oggi vengono denominati i “Rifugi della 2^ Guerra Mondiale di Colleferro”, in realtà sono nati come cave per l’estrazione della pozzolana, materiale da costruzione che servì per edificare le prime case della città.
Anziché scavare delle cave a cielo aperto, si utilizzò il metodo di “scavare sotto e costruire sopra”; nacquero così i primi quartieri di Colleferro, ognuno dei quali aveva il proprio blocco di rifugi. Nessuno avrebbe mai immaginato che queste “cave” sotterranee sarebbero state utilizzate, in periodo bellico, come ricovero durante i bombardamenti».

Una splendida giornata di sole ha invogliato a partecipare in tanti, grandi e piccoli che puntuali alle 10 si sono presentanti davanti all’ingresso di Via Roma per un “trekking urbano” nel ventre della città per una lunghezza di circa 600 metri, portando i visitatori a rivedere la luce all’altezza del Centro Sociale Anziani di Piazza Mazzini.

I visitatori suddivisi in tre gruppi, guidati dai volontari accompagnatori Renzo, Laura e Franco – ed eccezionalmente Claudio Dezi – hanno potuto ammirare questi luoghi misteriosi ed affascinanti al tempo stesso, testimoni di un passato fatto di paura e ristrettezze, ma dove la vita ha continuato a trascorrere nella quotidianità al riparo dai bombardamenti. Nel corso della camminata i volontari hanno fornito tante informazioni, facendo notare come le pareti delle gallerie fossero state dipinte con calce bianca sia per dare maggiore luminosità che igiene all’ambiente, visto il grande numero di persone presenti, una breve pausa è stata fatta davanti a quella che era l’osteria, luogo dove soprattutto si organizzava la vita nella città sotterranea.Tante le domande e le curiosità che soprattutto i bambini hanno fatto agli accompagnatori, trovando piena disponibilità e risposta.

A Piazza Mazzini, ad accogliere il numeroso gruppo c’erano il Sindaco Pierluigi Sanna ed il Presidente del Comitato di Quartiere Ludovico Doleatti per condividere insieme un momento di festa e di socializzazione.

Renzo Rossi, che da sempre opera per la salvaguardia e la tutela dei Rifugi e della storia della città, ha evidenziato come di anno in anno la risposta dei visitatori sia sempre più in crescita ed i numerosi eventi, organizzati nell’anno appena conclusosi, sono stato un vero successo, in modo particolare per gli spettacoli proposti, non ultimo “Presepe Vivente nei Rifugi Antiaerei” dall’attore-regista Claudio Dezi e gli attori di Officina Teatro da lui diretta.

Il Sindaco, nel suo breve intervento, ha sottolineato l’importanza di questi luoghi ricchi di storia che soprattutto i giovani devono imparare a conoscere ed amare. Grazie all’opera dei volontari i Rifugi hanno cominciato a “rinascere” come testimonianza del nostro giovane passato e delle nostre radici e rappresentano un polo culturale da incrementare.

Si è poi proceduto alla consegna dei premi ai vincitori dei “desideri 2019” inseriti nel pozzo, quattro premi gentilmente messi a disposizione da alcuni commercianti cittadini.

Infine – a chiudere questa bella mattinata tra storia e fantasia – non poteva mancare un bellissimo rinfresco con cose buonissime, panini con salsicce cotte alla brace, dolci e caramelle a volontà e poi un brindisi augurale, il tutto grazie alla disponibilità del Comitato di Quartiere e delle gentili signore che con sorrisi e cortesia hanno accolto i tanti visitatori.
La musica e le canzoni del bravissimo duo Francesca e Piermatteo hanno allietato i presenti all’insegna dello “Stare insieme”, che è il motto del Quartiere!

I Rifugi di S. Barbara apriranno le loro porte ogni seconda domenica del mese dalle ore 16 alle ore 19.30 ed i volontari vi attendono per un fantastico viaggio alla loro scoperta!

 

Potrebbero interessarti anche...

Top