L’Istituto Comprensivo di Segni ha partecipato al progetto “PretenDiamo legalità, a scuola col Commissario Mascherpa”. Un’esperienza importante e molto partecipata…

SEGNIPer l’anno scolastico 2017/2018, appena conclusosi, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno – Polizia di Stato, in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, università e ricerca ha promosso un interessante progetto intitolato “PretenDiamo legalità, a scuola col Commissario Mascherpa”.

Il progetto ha coinvolto gli studenti della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado e di secondo grado di 70 province.

Nella nostra zona a tale concorso ha aderito l’Istituto Comprensivo di Segni, diretto dal Dr. Marco Saccucci, con il coinvolgimento del Commissariato di P.S. della Polizia di Stato di Colleferro.

Pubblichiamo di seguito la relazione dell’insegnante Elisa Bartolomei, referente del progetto.

«In questo anno scolastico l’Istituto Comprensivo di Segni ha aderito al Progetto “PretenDiamo legalità, a scuola col Commissario Mascherpa”, promosso dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno – Polizia di Stato, in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, università e ricerca.

In qualità di Funzione Strumentale per l’inclusione, ho presentato il progetto al Dirigente Scolastico della nostra scuola (l’Istituto Comprensivo di Segni), Dott. Marco Saccucci. Il Preside, sempre attento alle delicate tematiche riguardanti la legalità, si è subito detto favorevole ad aderire a tale iniziativa.

Anche le colleghe hanno accolto la proposta con estremo interesse. Insieme ad alcune di esse abbiamo stabilito che le classi più indicate potevano essere le terze, quarte e quinte della scuola primaria e le classi prime della scuola secondaria di I grado.

Successivamente ho preso contatti con la Questura di Roma, che mi ha indirizzato presso il commissariato di Colleferro dove ho avuto modo di conoscere il Sostituto Commissario Fabio Briziarelli, l’agente tecnico Arianna De Pascali e l’assistente capo Mirko Magliocchetti.

Questa “squadra” ha subito accolto la richiesta della nostra scuola e ha avuto modo di incontrare, dapprima, gli alunni dei due plessi delle scuole primarie “Falasca” e “Pantano”, poi gli studenti delle classi prime della scuola secondaria di I grado “D. Cesare Ionta”.

Durante gli incontri sono state affrontate tematiche molto vicine agli alunni quali il bullismo, il cyber bullismo, il concetto di legalità … I ragazzi sono rimasti tutti molto colpiti dagli interventi degli agenti tanto che, quando è stato chiesto loro di fornire un feedback rispetto alle tematiche trattate, con molto impegno ed entusiasmo, hanno prodotto disegni, riflessioni e temi, che sono stati recapitati al sostituto Commissario.

Di seguito alcuni stralci delle riflessioni dei nostri alunni.

“I ragazzi della scuola media di segni ringraziano i poliziotti che sono venuti lunedì 15 a scuola per parlare della legalità e delle attività della polizia. L’incontro è stato interessante ed istruttivo. I rappresentanti della polizia che sono intervenuti si sono dimostrati disponibili e premurosi nello spiegare cose all’apparenza banali, ma che sono fondamentali per la sicurezza del singolo individuo e della comunità. Pertanto noi ragazzi saremmo interessati anche ad ulteriori incontri, anche su altre tematiche come ad esempio consumo di alcool e sostanze stupefacenti.”

“… oggi sono venuti ai poliziotti a spiegarci come comportarci. Ci hanno spiegato che prima di parlare bisogna alzare la mano e aspettare la parola. Con un esempio ci hanno spiegato che bisogna rispettare gli altri e l’ambiente. Se ad esempio un ragazzo beve un bicchiere in più e si mette alla guida dell’automobile e causa un incidente, sul luogo dell’incidente dovranno intervenire polizia, ambulanza, vigili del fuoco. Allora la polizia invece di arrestare un ladro che sta rubando in una casa, l’ambulanza invece di salvare il nonno che ha un infarto e i vigili del fuoco invece di spegnere un incendio, sono tutti lì sul luogo dell’incidente. Ci hanno spiegato che è importante vivere nella legalità e rispettare le regole per vivere tutti meglio. Ogni persona guadagna se gli altri le rispettano. Ci hanno poi parlato del bullismo. Il bullismo è quando una persona minaccia un’altra continuamente. Es. Antonio va a scuola e ogni mattina spinge un compagno. I compagni dicono ad Antonio che la deve smettere. Bullismo è quando un’azione brutta è continuativa; tutti ridono tranne chi è ridicolizzato. Lo scherzo invece quando ride anche la persona a cui è stato fatto lo scherzo. Inizia e finisce in quel momento. Hanno spiegato che bisogna aiutare sia la vittima che il bullo, questo a capire che sta sbagliando”.

 

Il Sostituto ha dichiarato di essere rimasto positivamente colpito dai feedback ricevuti.

In un secondo momento quasi tutte le classi hanno partecipato al concorso collegato al progetto. Gli alunni, sotto la guida delle insegnanti, hanno prodotto cartelloni, disegni stilizzati, fumetti che sono stati raccolti dagli agenti e consegnati presso gli uffici della Questura di Roma.

A conclusione di questa magnifica esperienza gli agenti hanno chiesto di conoscere i genitori degli studenti delle classi che avevano già partecipato agli incontri mattutini. Tale riunione, fortemente voluta dagli agenti e favorevolmente accolta dal nostro Dirigente Scolastico, Dott. Marco Saccucci, che ha messo a disposizione la sala Conferenze dell’Istituto Comprensivo, ha permesso loro di confrontarsi con i genitori circa le tematiche affrontate con i ragazzi ed in particolare l’uso, talvolta inappropriato, dei social e dei telefoni cellulari, mettendoli al corrente dei problemi che possono insorgere da un uso scorretto degli stessi.

I genitori si sono mostrati interessati verso queste tematiche e c’è stato un vivace scambio di opinioni e punti di vista.

Poiché si è rivelata un’esperienza molto positiva, ci prenotiamo per il prossimo anno scolastico!

Un ringraziamento speciale agli agenti di polizia che si sono mostrati molto disponibili».

 

Potrebbero interessarti anche...

Top