Colleferro. Suggestiva cerimonia di consegna della reliquia di San Giovanni Paolo II alla Parrocchia di San Bruno

COLLEFERRO (Eledina Lorenzon)Tantissimi i fedeli che, nella giornata di Sabato 14 Aprile, hanno partecipato, nella Chiesa dedicata a San Bruno a Colleferro, alla cerimonia di consegna della reliquia di Giovanni Paolo II, Pontefice dal 1978 a 2005 e proclamato Santo il 20 Ottobre 2013, che Padre Gianfranco Grieco, già capo ufficio del Pontificio Consiglio per la famiglia, ha consegnato al parroco Don Augusto Fagnani.

Erano presenti il Sindaco Pierluigi Sanna ed il Comandante della Stazione Carabinieri di Colleferro Lgt. Paolo Bernabei.

Grande l’emozione e la gioia di tutta la comunità della Parrocchia di San Bruno che da tempo si è preparata all’evento, ma soprattutto del Parroco che ha ringraziato tutti coloro che hanno reso possibile l’evento ed in particolare Padre Grieco, sottolineando come questo sia un giorno indimenticabile per la comunità parrocchiale e per l’intera città di Colleferro.

Padre Gianfranco Grieco nella sua veste di giornalista, oltre che di scrittore, ha seguito San Giovanni Paolo II in tutti i suoi viaggi in Italia e nel mondo, come inviato speciale de “L’Osservatore Romano”, ed è autore di libri quali “Pellegrino. Giovanni Paolo II fra le civiltà del mondo” dove ha selezionato i viaggi più rappresentativi di papa Wojtyla e ha raccontato i sentimenti con i quali il pontefice li affrontava: dal suo affetto per l’Africa, ai tentativi di comprensione e dialogo in Asia, alla nuova proposta di evangelizzazione in America e in Europa. Insieme all’annuncio del Vangelo, ovunque portava parole di pace e di speranza e “Papa santo visto da vicino”, in cui ha evidenziato “la personalità profetica e spirituale di un Uomo di Dio: un Papa mariano, missionario, poi Papa del perdono e della riconciliazione, della famiglia e della vita, del dolore e della sofferenza, della giustizia e della pace.
Uomo autentico, aveva capito subito che bisognava abbattere muri storici e costruire ponti di solidarietà tra popoli e nazioni per una nuova umanità”.

La reliquia è costituita da una ciocca di capelli del Papa Santo, e nel corso dell’Omelia padre Grieco ha evidenziato l’importanza delle reliquie nella storia legata al culto dei santi, e ricordato il versetto del Vangelo di Luca che recita: «Sarete odiati da tutti nel mio nome: Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto» per ricordare che ogni cristiano deve sentirsi interamente nelle mani di Dio che ci è Padre, conosce tutto di noi e non ci abbandona mai.

Al termine della Santa Messa moltissimi i fedeli che hanno voluto rendere omaggio alla reliquia che sarà poi custodita in una piccola nicchia all’interno dell’altare maggiore.

Potrebbero interessarti anche...

Top