Colleferro. Rinnovato il Patto di Amicizia tra l’Università del Tempo Libero di Fasano e la nostra Università delle Tre Età

COLLEFERRO (Eledina Lorenzon) – Rinnovato il Patto di Amicizia tra l’Università del Tempo Liberto di Fasano e la nostra Unitre – Università delle Tre Età, con sede in Colleferro, ma sezioni a Segni, Artena e Paliano, presso l’Aula Consiliare del Comune di Colleferro alla presenza del Sindaco Pierluigi Sanna, dei Presidenti dei due sodalizi, Palmira Cardone e Giuseppe Torti, e di tanti soci e simpatizzanti che hanno gremito l’Aula.

Siglato nell’aprile 2017 a Fasano in occasione di una visita organizzata dall’Ateneo colleferrino grazie all’impegno del Prof. Domenico Narducci, docente presso l’I.C. Colleferro 1 – Scuola Media Leonardo da Vinci e fasanese di nascita, che ha permesso l’incontro di queste due realtà culturali, unite da comuni intenti nella divulgazione del sapere rivolto ai cittadini non solo della terza età, ma aperti a quanti desiderino ampliare le loro conoscenze sia in campo umanistico che scientifico.

La visita degli “studenti” dell’Università del Tempo Libero è iniziata Mercoledì 8 Maggio con una visita alla Cattedrale di Anagni ed alla sua meravigliosa Cripta, la cappella sistina ciociara, accolti dal Vice Presidente Unitre – Leonello Bianchi, dal Direttore dei Corsi – Luigi Frattolillo e da S.E. Mons. Lorenzo Loppa, Vescovo della Diocesi Anagni-Alatri, per uno scambio di saluti ed informazioni sulla storia e sugli eventi importanti che hanno caratterizzato questo splendido paese che fu luogo di soggiorno preferito dai Pontefici soprattutto nei secoli XII e XIII e sede di importanti fatti storici,. affidando poi il numeroso gruppo alle guide per ammirare nel dettaglio le bellezze di questo gioiello costruito tra il 1074 ed il 1104 per volere di S. Pietro vescovo di Salerno.

 

Poi l’incontro atteso e commosso in Aula Consiliare, dove il Presidente Unitre – Giuseppe Torti ha espresso la sua soddisfazione per l’incontro e sottolineato i tanti punti in comune tra le due realtà culturali che con grande entusiasmo, costanza ed impegno portano avanti programmi per una cultura sempre più al passo dei tempi e l’impegno per un dialogo generazionale quanto mai necessario e che rappresenta oggi una sfida che non permette sconfitta. Ha poi presentato il Dott. Alessandro Balzerani, autore di vari articoli e monografie riguardanti l’utilizzo delle metodologie di analisi non verbale nei contesti relazionali e di business, che ha tenuto un’interessante relazione su “L’introduzione alle neuroscienze”.

L’intervento del Sindaco Pierluigi Sanna è stato dedicato alla storia di Colleferro dalle sue origini allo sviluppo industriale, senza tralasciare il ruolo primario che riveste oggi in campo spaziale, unica città italiana a far parte del C.V.A., Associazione senza scopo di lucro che raggruppa comuni, collettività ed istituzioni per i programmi spaziali di Ariane (Arianespace, CNES ed ESA).
Ha poi sottolineato come Colleferro sia stata insignita in questo anno, insieme ad Artena, Labico, Paliano e Valmontone, del Premio Città della Cultura Lazio 2018, a dimostrazione di una nuova e diversa ipotesi di sviluppo a carattere turistico che la città vuole intraprendere, grazie anche ai Rifugi Antiarei e al Museo Civico Archeologico del Territorio Toleriense recentemente inaugurato, dove è possibile ammirare l’elefante antico, ritrovato durante alcuni scavi per la costruzione di un nuovo quartiere.

La Prof.ssa Palmina Cannone, attuale presidente dell’U.T.L., ha ringraziato per la calda accoglienza e portato i saluti dell’Amministrazione di Fasano. Ha poi brevemente illustrato la storia dell’Università da Lei presieduta che proprio quest’anno arriva al suo ventesimo anno di attività, fu infatti inaugurata il 20 novembre del 1998 grazie all’opera emerita di Antonio Carbonara, suo fondatore e presente in Aula Consiliare.
Oggi l’ateneo fasanese, grazie a lui e ai suoi successori, vive un momento di grande attività tanto da essere designata come “uno dei più dinamici contenitori culturali pugliesi”. All’interno della prestigiosa sede è attivo il Museo delle “Arti antiche Fasanesi” e di una bellissima opera hanno fatto dono all’Unitre di Colleferro.

A conclusione scambio di doni: l’U.T.L. di Fasano ha donato una targa, il gagliardetto del Comune e dell’ateneo, un prezioso carteggio del 1749 e varie pubblicazioni tra cui il Quaderno Culturale curata del Prof. Piero Pellegrini dal titolo “l’U.T.L. ha vent’anni. Storia della sua vita e del suo fondatore Antonio Carbonara”.
Il Sindaco ed il Presidente Unitre hanno ricambiato anch’essi con una targa a ricordo dell’evento e varie pubblicazioni relative alla nostra città, tra cui la guida turistica dedicata ai Rifugi Antiaerei di Colleferro, tradotta in quattro lingue (italiano, inglese, francese e spagnolo) grazie al prezioso apporto del Liceo Linguistico di Anagni “Regina Margherita”.
Il Prof. Domenico Narducci ha poi consegnato tre opere pittoriche, eseguite dalla sig.a Salvatori Giuliana e dall’arch. Rogelio Correa, corsisti del Laboratorio Creativo-Espressivo dell’Unitre, a testimonianza del forte sentimento di amicizia e condivisione instauratosi tra le due realtà socio-culturali.

Cena conviviale in serata presso un noto ristorante di Segni con un menù che ha racchiuso le specialità eco-gastronomiche del nostro territorio.

Potrebbero interessarti anche...

Top