Colleferro. Intitolata al Brigadiere Giovanni Battista Marchetti la caserma della Guardia di Finanza

COLLEFERRO (RM) – “Un piccolo eroe. Un finanziere come tanti altri, forse con qualcosa di più”. Sono le parole del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. di Corpo d’Armata Saverio Capoluogo, a spiegare il senso con cui è stata intitolata al Brigadiere Giovanni Battista Marchetti la Tenenza locale. Il comandante, insieme alle alte cariche territoriali della Guardia di Finanza, dei Sindaci dei 20 Comuni di competenza, delle altre Autorità militari, politiche, civili e religiose, ha presenziato la cerimonia che si è tenuta, sabato scorso, nella nuova caserma in via Casilina.
Un uomo semplice, il Brigadiere Marchetti, che ha avuto l’onore di ricevere la medaglia di bronzo al valor civile, per un atto di grande coraggio e generosità compiuto a Carsoli il 21 luglio del 1940, e che ha vissuto tutta la vita dimostrando un alto senso del dovere e un grande attaccamento all’Arma cui è rimasto legato fino all’ultimo istante di vita.
Lo ha raccontato, con commozione ed orgoglio, il figlio Ugo, Generale in pensione della Guardia di Finanza, aprendo la cerimonia. Parole di ringraziamento per il lavoro silenzioso svolto dai tanti Marchetti sono state spese dal sindaco Mario Cacciotti, che ha poi sottolineato l’importanza della presenza di tutte le forze dell’ordine nel territorio.
«Sono davvero numerosi i campi nei quali gli uomini delle fiamme gialle operano – ha detto -, per combattere frodi, riciclaggio, contraffazione, usura, evasione fiscale, pirateria, lavoro nero e quant’altro, come anche la difesa del patrimonio archeologico e ambientale. Il vostro lavoro, soprattutto in un momento di crisi economica come quello attuale, è ancora più prezioso. E ugualmente notevole è l’opera incessante di tutte le altre forze di intervento, che ringrazio per il lavoro che fanno per la nostra città, per l’intero territorio. Tutti voi ogni giorno vi adoperate, senza risparmio, per la sicurezza sociale e la salvaguardia del territorio e dei cittadini. Vi auguro – ha concluso – di lavorare sempre con l’entusiasmo e la professionalità che vi contraddistingue e con me, ne sono certo, vi è grata tutta la nostra comunità».
La lettura della Preghiera del Finanziere e la benedizione da parte del Vescovo diocesano Monsignor Vincenzo Apicella hanno condotto i presenti verso il momento conclusivo della giornata. Con l’ausilio della madrina della manifestazione, Sig.ra Armida Virgilio, e tra l’entusiasmo dei pronipoti del Brigadiere Marchetti, sono state infatti scoperte la targa apposta all’interno della caserma e la scritta sul muro esterno della struttura, che hanno sancito il termine di una bella cerimonia, solennemente sottolineata dal Picchetto d’onore e dal Complesso bandistico della Finanza che ha eseguito, tra l’altro, l’immancabile Inno nazionale.

 (comunicato stampa)

Potrebbero interessarti anche...

Top